Contenuto sponsorizzato

Adunata, al lavoro la Sala operativa centrale, De Vigili: ''Disagi per circa 6 mila persone a seguito degli attentati sulla rete ferroviaria''

E' stato potenziato il servizio offerto dalla centrale 112 e sono state distribuite agli operatori sul campo 260 radio tetra. Per quanto riguarda le presenze sono 140 mila gli arrivi e oltre 90 i pullman giunti a Trento

Pubblicato il - 11 maggio 2018 - 20:07

TRENTO. Le tre situazioni di emergenza che si sono presentate oggi sulla rete ferroviaria trentina “rientravano negli scenari preventivati. Sono state circa 6 mila le persone che hanno subito dei disagi”. A dirlo è stato questo pomeriggio Stefano De Vigili, dirigente della protezione Civile durante una riunione in Centrale operativa con l'assessore provinciale Tiziano Mellarini e Capo Dipartimento della Protezione civile nazionale Angelo Borrelli.

 

Un'occasione durante la quale si è fatto il punto sulla situazione generale. La riunione è iniziata con una panoramica sulla situazione meteorologica e a seguire i responsabili dei diversi settori hanno poi brevemente relazionato su come stanno procedendo le operazioni e sulla situazione.

 

Il grande tavolo al centro della Sala operativa provinciale, al primo piano della caserma del Corpo permanente dei Vigili del Fuoco di Trento, è affollato di persone: ci sono i responsabili ed i referenti dei vari Servizi e strutture operative, dal Servizio Meteo alla Sanità, dalla Viabilità al Trasporto pubblico urbano, dai Forestali al COA dell'ANA. In videoconferenza è invece il collegamento con i Centri operativi dell'Autostrada del Brennero e delle Ferrovie dello Stato e con il Comando della Polizia municipale di Trento.

 

Da un punto di vista del meteo non sono previste intensificazioni piovose. Per quanto riguarda i trasporti i disagi sono rientrati nel primo pomeriggio e attualmente la circolazione è regolare anche sull'Austrada del Brennero. Per quanto riguarda i varchi e l'ambito sanitario non si registrano problemi. È stato potenziato inoltre il servizio offerto dalla centrale 112 e sono state distribuite agli operatori sul campo 260 radio tetra. Per quanto riguarda le presenze sono 140 mila gli arrivi e oltre 90 i pullman giunti a Trento.

 

Fino a lunedì, quando l'"emergenza" rientrerà, si fa il punto due volte al giorno.

 

“L'organizzazione con cui è stato messo in piedi questo tavolo di coordinamento – ha spiegato Borrelli - rende onore a questo evento. Non poteva esser organizzato in modo migliore. Il suo avvio, già a partire da giovedì, è stato importante anche per il collegamento con le altre sale operative. E' un orgoglio per gli alpini, per la città di Trento, per i colleghi della Protezione civile del Trentino e per tutto il Paese”.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

14 dicembre - 19:51

Si tratta di un uomo di 53 anni di Zambana. Faceva parte di un gruppo di tre persone. I soccorritori sono riusciti ad individuarlo e dopo averlo estratto da sotto la neve, in stato iniziale di ipotermia, è stato trasportato a Merano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato