Contenuto sponsorizzato

Adunata, si chiude con oltre 450 mila presenze, treni presi d'assalto per il rientro

Si stimano in circa 100 mila le persone in sfilata tra le vie del centro. La rete stradale non evidenzia criticità, attesa invece in stazione e arrivano i bus aggiuntivi

Pubblicato il - 13 maggio 2018 - 19:36

TRENTO. Buona parte dei gruppi hanno già concluso la sfilata alla novantunesima Adunata nazionale di Trento e il rientro dei partecipanti procede senza particolari intoppi. Si stimano in circa 450 mila le persone giunte a Trento nel corso dei tre giorni di Adunata a bordo di oltre 300 bus. Alle 15.30 avevano sfilato oltre 62 mila alpini, mentre al termine saranno oltre 100 mila le penne nere impegnate nella sfilata. 

 

Se la rete stradale non lamenta al momento sofferenza a smaltire il traffico, qualche attesa si registra alle stazioni ferroviarie. Questa la fotografia della Provincia.

 

Trasporti pubblici
Servizio ferroviario sotto pressione nel pomeriggio di oggi a causa del pubblico che sta lasciando l’Adunata. Flussi importanti si registrano nelle stazioni delle Ferrovie dello Stato e della Trento-Malé.

 

Da mezzogiorno la linea del Brennero, in direzione Bolzano, ha una capacità di trasporto di circa 18 mila passeggeri. Secondo i dati ufficiali, la ferrovia sta viaggiando con un coefficiente di riempimento tra il 50% e l’80%. 

 

Sul resto del sistema ferroviario - Brennero (in direzione sud Verona), Trento-Malè e Valsugana - è garantita dalle 12 di oggi una capacità di trasporto di 30 mila passeggeri. Fino a questo momento è stata utilizzata per intero la capacità di trasporto, con l'impiego di numerose corse bus a rinforzo.

 

Secondo la stima ufficiale, fino alle 17, hanno lasciato Trento e l’Adunata, con il solo sistema ferroviario, oltre 20 mila persone. Almeno un migliaio le persone sino a questo momento dirottare sui bus di rinforzo con partenza da Corso Buonarroti. La stima arriva a 50 mila passeggeri alla mezzanotte di oggi, contro le 20 mila che quotidianamente utilizzano lo stesso servizio.

 

Da oggi sono in servizio anche i bus urbani in servizio circolare tra via Brennero e zona industriale e Interporto dove sono attestati i bus da noleggio delle varie sezioni in partenza dopo avere sfilato: una trentina i bus a ciclo continuo fino alle 17. 

 

Strade
Sulla rete viaria extraurbana il traffico è relativamente scorrevole. Al momento anche la tangenziale di Trento e la Statale della Valsugana registrano un traffico regolare.

 

A22
Si segnala traffico in direzione sud con circa 2.500 veicoli all’ora fino ad Affi. Dalle 14 alle 17, i caselli di Trento hanno registrato in entrata oltre 5 mila veicoli, la maggior parte diretti a sud. Qualche rallentamento si registra in questi minuti tra i caselli di Avio ed Affi a causa di un incidente già risolto.  

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato