Contenuto sponsorizzato

Attentati nella notte sulle linee ferroviarie, riunione d'emergenza. Traffico rallentato e indagini in corso

Due attentati alla sicurezza che hanno messo in allarme il personale di Trenitalia e di Trentino Trasporti. La circolazione ferroviaria è stata immediatamente sospesa​, disagi per i passeggeri sulle linee del Brennero e della Valsugana

Di db - 11 maggio 2018 - 09:39

TRENTO. L'allarme è scattato alle 3.30 della mattina: due attentati incendiari hanno colpito le linee ferroviarie del Brennero e della Valsugana. L'obiettivo, anche se non dichiarato ma facilmente intuibile, è l'Adunata degli Alpini. Un sabotaggio vero e proprio che è riuscito nell'intento di rallentare fortemente il traffico passeggeri causando notevoli ritardi. 

 

Sulla linea del Brennero il sabotaggio è avvenuto all'altezza della località Sorni nel comune di Lavis. Sono state colpite due centraline elettroniche che regolano la distanza tra i convogli per evitare lo scontro tra i treni.

 

Sulla linea della Valsugana, all'altezza della galleria Albi nel Comune di Civezzano, sono state prese di mira sempre le apparecchiature elettroniche, in questo caso il sensore paramassi che 'protegge' i treni da eventuali ostacoli sulla massicciata, anche in questo caso per evitare incidenti ferroviari.

 

Due attentati alla sicurezza che hanno messo in allarme il personale di Trenitalia e di Trentino Trasporti. La circolazione ferroviaria è stata immediatamente sospesa, per riprendere poi a rilento. Il traffico passeggeri si è fortemente congestionato ed è stato necessaria l'attivazione delle linee sostitutive con autobus e pullman.

 

Si sono mobilitate immediatamente le Forze dell'ordine, con nuclei investigativi di Carabinieri e Polizia. I Vigili del Fuoco volontari di Lavis si sono portato in località Sorni, mentre a Civezzano sono  intervenuti i Vigili del fuoco Permanenti di Trento

 

Nel frattempo, si è messa in moto anche la Sala emergenze della Protezione Civile. Una riunione convocata d'urgenza, alla presenza del governatore Ugo Rossi, ha immediatamente gestito la situazione. Anche gli inquirenti sono al lavoro: e la pista è quella delle realtà antagoniste che già avevano manifestato dissenso contro l'Adunata degli Alpini a Trento.

 

Non ci fermano - commenta il governatore con un tweet dalla Sala operativa - ottimo funzionamento delle previste procedure d’urgenza. Ringrazio personale e volontari. L’Adunata degli Alpini - conclude il presidente della Provincia - è e sarà una festa”.

 

Per quanto riguarda la circolazione della linea del Brennero, i rallentamenti sono molto forti su tutta la tratta in entrambe le direzioni. Alle 6.25 i tecnici di Rfi hanno riattivato il binario in direzione Verona e alle 8 quello verso Trento. Ma permangono ovviamente molti disagi che saranno smaltiti durante la mattinata. 

 

A metà mattina sulla linea della Valsugana la circolazione è ripresa normalmente, con un ritardo di circa 10 minuti. La capacità della linea ferroviaria del Brennero è ridotta del 50% fino alle ore 17, quando la linea sarà completamente ripristinata.

 

Nel frattempo i treni continueranno a transitare ma a regime ridotto: due convogli ad ora per ogni direzione, in modo da garantire la fluidità della circolazione anche ai treni Freccia. Per il momento i treni merci sono stati sospesi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato