Contenuto sponsorizzato

Adunata degli Alpini, ''strage'' di bici in centro: rimossi centinaia di mezzi per liberare la città

La polizia locale armata di cesoie sta portando via le bici dal centro. Al loro posto stanno comparendo 900 Toi Toi

Pubblicato il - 08 maggio 2018 - 11:28

TRENTO. Ieri è toccato alle macchine che sono state rimosse dai vari parcheggi di attestamento. Oggi è tempo di biciclette. Gli operatori del Comune accompagnati dalla polizia locale armati di tenaglie e pazienza stanno spaccando le catene e i lucchetti e portando via le bici attaccate a pali e stalli non autorizzati. Nell'isola pedonale posta tra la stazione e Piazza Dante stanno facendo una vera ''strage'' rimuovendo fino a un centinaio di mezzi.

 

 

Le bici abbandonate vengono caricate su un furgone e portate via nei magazzini del comando della polizia locale. La procedura era stata annunciata e in molte zone ci sono anche i cartelli che annunciavano la rimozione qualora fossero rimaste lì anche in questi giorni. Nelle zone del centro, poi, sono state direttamente rimosse le rastrelliere. Le bici, infatti, potrebbero essere d'impiccio a marce e sfilate.

 

 

 

Le 600.000 persone che sono attese in questi giorni, infatti, riempiranno ogni più piccolo spazio della città e le bici rischierebbero di diventare degli ostacoli anche pericolosi. Il tutto mentre stanno comparendo file e file di bagni pubblici. Sono circa 900 i Toi Toi che stanno venendo dislocati sulle vie e piazze cittadine. La pulizia avverrà due volte al giorno con interventi extra in caso di necessità. 

 

 

Per chi non trovasse più la sua bicicletta, invece, può rivolgersi al comando della polizia locale e recarsi in via Maccani. Probabilmente troverà lì il suo mezzo. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

16 novembre - 17:37

E' stata eletta la nuova coordinatrice dell'Unione per gli Universitari. Sul problema degli affitti spiega: "stiamo pensando all'istituzione di uno sportello affitti e ad una piattaforma dove i privati possano registrare le offerte di alloggio, in modo che gli studenti possano più facilmente districarsi nella giungla degli affitti"

17 novembre - 11:42

Cavi dell'alta tensione cadono sull'A22, chiuso il tratto compreso tra lo svincolo per Vipiteno e quello per Bressanone. Lunghe code si stanno formando in entrambe le direzioni. Quasi 50 strade secondarie ancora interrotte 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato