Contenuto sponsorizzato

Arcidiocesi di Trento pubblica il proprio bilancio, nel 2017 perdite per 3 milioni di euro

Operazione trasparenza per il vescovo Lauro Tisi che però spiega: “Nessuna agenzia di rating può certificare volontariato e gratuità”. Per affrontare le difficoltà economiche è stata avviata una razionalizzazione delle struttura e una gestione estesa dei servizi

Pubblicato il - 26 maggio 2018 - 20:58

TRENTO. Costo del lavoro ma anche enti e parrocchie sempre più in difficoltà economica. E' di quasi 3 milioni la perdita registrata nei bilanci dall'Arcidiocesi di Trento per quanto riguarda il 2017. Un anno difficile che ha visto il progressivo indebolimento finanziario e patrimoniale della Diocesi.

 

Oggi la Chiesa trentina ha presentato il proprio rapporto socio economico alla presenza del vescovo Lauro Tisi.

 

“Operazione trasparenza, come stile personale e comunitario” ha spiegato il vescovo spiegando però anche che “Nessuna agenzia di rating può certificare volontariato e gratuità”.

 

Il bilancio è costituito dagli schemi di Stato patrimoniale e del Rendiconto gestionale, accompagnati dalla relazione dell’Economo.

 

Sul versante patrimoniale, il cui totale attivo ammonta a 117 milioni di euro, l’85% è rappresentato da immobilizzazioni. Di queste, al netto degli ammortamenti, poco più di 38 milioni di euro per terreni e fabbricati strumentali (beni, quindi, che non producono reddito ma generano costi di finanziamento e ammortamento) e 27 milioni per terreni e fabbricati non strumentali, i cui canoni di locazione producono un reddito di 1 milione 447 mila euro, al lordo delle spese e degli ammortamenti. Il reddito netto è pertanto di 324 mila euro.

 

Le immobilizzazioni di natura finanziaria sono pari a 31 milioni e 633 mila euro, il 27% del totale attivo. All’interno di questa quota, poco più di 27 milioni di euro sono relativi al 21,70% del capitale detenuto da Arcidiocesi all’interno dell’Istituto di Sviluppo Atesino (ISA), sorto nel 1929.

 

Quanto ai beni, “è necessario – ha affermato l’Arcivescovo di Trento - che la Chiesa non li consideri propri, ma da amministrare per i poveri e il Vangelo, finalità da cui - ha ammesso don Lauro - la Chiesa rischia talora di deviare”.

 

Il patrimonio netto di Arcidiocesi si attesta, a 76 milioni 899 mila euro, già al netto della perdita nel 2017 che, come già detto, si attesta a 2 milioni 938 mila euro.

 

“Un trend di progressivo indebolimento finanziario e patrimoniale della Diocesi che – non nasconde l’Economo diocesano Claudio Puerari - ingenera elementi di preoccupazione”. Per fronteggiare tale situazione Puerari ricorda la razionalizzazione delle strutture della Curia e degli Enti diocesani introdotta con la recente riforma e una più estesa centralizzazione dei servizi amministrativi a favore delle entità diocesane esterne alla Curia.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato