Contenuto sponsorizzato

Bandiere d'Italia e Stati Uniti posate sul Dukw a -276 metri nel Garda. Il racconto del sindaco sceso col sottomarino: ''Un'emozione''

Gianni Morandi oggi è salito sul sommergibile assieme al pilota e al tecnico della sicurezza e ha raggiunto il mezzo anfibio a bordo del quale il 30 aprile 1945 sono morti 25 soldati. ''Siamo scesi nel buio, in un silenzio irreale e poi è spuntato il relitto''

Di Luca Pianesi - 04 October 2018 - 19:36

NAGO TORBOLE. ''Abbiamo posato due bandiere, una italiana e una americana, sul muso del Dukw. Un momento molto toccante per un viaggio davvero emozionante che non dimenticherò''. D'altronde non capita tutti i giorni di scendere sott'acqua con un piccolo sottomarino, nel proprio lago, ed andare ad esplorare un relitto straordinario che risale agli ultimi giorni della Seconda Guerra Mondiale.

 

E' successo al sindaco di Nago Torbole Gianni Morandi che questa mattina è salito a bordo dell'Ictineu Submarine ed è andato ad esplorare il fondale del Lago di Garda. Per l'esattezza è arrivato a quota - 276 metri andando praticamente a toccare con mano il mezzo anfibio americano che nella notte del 30 aprile 1945 affondò con a bordo 26 soldati americani, 25 dei quali morirono affogati (QUI LA VICENDA E QUI LE PRIME IMMAGINI).

 

''E' stato davvero emozionante - ci racconta - avevo addosso la fascia tricolore perché volevo che la cosa avesse i contorni dell'istituzionalità e poi l'obiettivo era quello di andare a posare sul mezzo le due bandiere, piegate a triangolo, del nostro Paese e degli Stati Uniti. Un gesto, semplice, ma importante per ricordare quei ragazzi morti in quella tragica notte". La partenza era fissata poco dopo le 10.10 dal Circolo Vela di Torbole. A bordo del piccolo sottomarino il primo cittadino, il pilota (che era alla sua 111esima immersione con quel sommergibile) e un tecnico della sicurezza.

 

 

''Da lì abbiamo navigato fino alla verticale, per una cinquantina di minuti - racconta ancora Morandi - e una volta sopra il relitto abbiamo cominciato a scendere. Per 40, 50 metri filtrava un po' di luce dalla superficie e si poteva vedere all'esterno. Poi si è fatto buio e siamo calati nel silenzio. Non so come descriverlo, galleggiavamo nel buio con davanti a noi le luci dei fari, in una pace assoluta. Poi dopo una mezz'oretta è apparso il fondale e il Dukw. Un'emozione incredibile. Era lì, perfetto. Con le ruote intatte, il volante, tutto al suo posto e la stella dell'esercito americano ben visibile. Dopo avergli girato intorno un po' di volte ci siamo spostati verso il muso del mezzo anfibio e abbiamo deposto le due bandiere con dentro dei pesi. Il sottomarino, infatti, ha dei bracci meccanici che permettono di pinzare e sollevare degli oggetti".

 

 

"E' stato un momento importante e anche istituzionale - conclude il sindaco - dal valore emozionale molto forte. Poi siamo ritornati in superficie e da domani si comincerà a ragionare su un suo possibile ripescaggio. Le possibilità ci sono tutte. L'intenzione sarebbe riportarlo a galla e inserirlo in un percorso museale dedicato alla Seconda Guerra Mondiale nell'alto Garda. Ma per quello ci sarà tempo".

 

Intanto i tecnici che sono scesi in questi tre giorni a più riprese rielaboreranno dati e video registrati per dare sempre più risposte sulla fine del mezzo anfibio costato la vita a 25 soldati in una notte di tempesta in mezzo al Lago di Garda. Ironia della sorte ha voluto che fosse proprio la notte del 30 aprile il giorno del suicidio di Hitler a Berlino. La guerra sarebbe terminata pochi giorni dopo ma troppo tardi per quei ragazzi che trasportavano viveri da Navene a Riva del Garda. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 February - 19:20

La situazione si complica in Val di Cembra dove i contagi continuano a salire, soprattutto a Palù dove il 14 è coinciso con la ricorrenza del patrono. Si contano 79 nuovi casi a Trento e poi seguono Pergine, Arco, Lavis, Rovereto e Levico Terme 

28 February - 20:11

Nel Comune di Giovo il rapporto contagi/residenti ha raggiunto il 3,3%, il sindaco non esclude l’entrata in vigore di misure più restrittive: Ci sono intere famiglie coinvolte, dove sia i genitori che i figli sono risultati positivi, forse ci sono un po’ meno anziani rispetto alle altre fasce d’età”

28 February - 15:55

Il rapporto è doppio rispetto al livello medio nazionale e anche oggi si registrano 329 nuovi casi di cui 80 tra giovani in età scolare. In un giorno messe in quarantena ben 18 classi (venerdì erano 35 ieri 53)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato