Contenuto sponsorizzato

Caldo? In Trentino c'è anche un prato che ''produce freddo''

Si tratta del sito freddo di Avalina, posto a quota 1.964 metri nel Comune di Sella Giudicarie. Le rilevazioni sono state fatte da Meteotriveneto

Pubblicato il - 11 agosto 2018 - 20:24

SELLA GIUDICARIE. Nonostante il caldo che stiamo sopportando in questi giorni in Trentino c'è anche un prato che “produce freddo” . Stiamo parlando della zona ad Avalina dove da fino giugno ad oggi ci sono stati ben 15 giorni sotto lo zero.

 

Nell’ambito del progetto di monitoraggio sperimentale dei siti freddi (una collaborazione che vede l’Associazione Meteo Triveneto insieme ad enti quali Meteotrentino, il CNR/Isac, il Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino) da alcuni anni viene monitorato da Meteotriveneto il sito freddo di Avalina, posto a quota 1964 metri nel Comune di Sella Giudicarie (Roncone –Trento).

 

Nelle rilevazioni effettuate nelle ultime settimane, ancora una volta la “frost hollow” di Avalina , stiamo parlando di un prato dove le mucche della vicina malga pascolano liberamente durante i mesi di luglio, agosto e settembre, ha fatto registrare temperature interessanti o meglio “autunnali” con ben 15 giorni con minime negative su un totale di 40 giorni (periodo 25 giugno 3 agosto).

 

In particolare le notti tra il 26 e il 30 giugno hanno fatto registrare minime negative con una punta di -3,5°C il 28/06. L’ultima minima negativa risale al 24 luglio con -0,5°C.

 

Questo mentre in fondovalle si boccheggiava per il caldo afoso.

 

La media delle minime di luglio è stata pari a +1,6°C, per rendere l’idea delle potenzialità di raffreddamento del sito, a Malga Flavona (fonte stazione meteo Fondazione Edmund Mach) posta ad altitudine simile la media delle minime di luglio è stata pari a +7,7°C.

Va detto che le temperature massime nella “conca” di Avalina sono invece simili a quelle rilevate in altri siti posti a medesime altitudini. Nel periodo analizzato la massima più elevata è stata rilevata il 2 agosto con +23,6°C . Qui di seguito una tabella con i valori di temperature minime e massime rilevate nel periodo 25 giugno 3 agosto 2018

 

Ricordiamo che il sito freddo di Avalina ha fatto registrare una minima assoluta di -35,9°C nel gennaio del 2017.

 

Questi siti freddi hanno dei particolari "microclimi", in determinate condizioni di cielo sereno, suolo innevato, ma anche senza neve, scarsa umidità ed assenza di vento, diventano delle fabbriche naturali di freddo.

 

Per rendere l'idea del sito di Avalina, si tratta di un grande prato, con una leggera depressione al centro di soli 8 metri. La sua grande potenzialità è data dall'ottimo "sky view factor", che si potrebbe tradurre con il termine "porzione di cielo visibile", il sito infatti ha la possibilità di cedere calore verso la libera atmosfera, non essendoci nelle proprie vicinanze cime molto elevate o boschi, che potrebbero ostacolare il raffreddamento dell'aria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 giugno - 06:01

Ci sono date che incarnano più di altre i passaggi decisivi della storia di un Paese. Il 2 giugno 1946 ha per una famiglia roveretana una doppia valenza, legata alla vicenda di un fante partito per la guerra in Africa settentrionale, caduto prigioniero degli inglesi e ritornato in patria proprio quando c'era da decidere tra "Repubblica" e "Monarchia". Riabbracciati i propri cari, Aldo Farinati non avrebbe avuto dubbi su cosa votare

01 giugno - 19:46

Ci sono 5.435 casi e 466 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 685 (326 letti da Apss e 359 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,44% di test positivi. Sono 3 i nuovi casi e nessun morto legato a Covid-19 nelle ultime 24 ore

01 giugno - 18:47

Preoccupano i mesi di settembre e ottobre con l'arrivo dell'influenza ma soprattutto gli affollamenti nei luoghi al chiuso. Ferro: "E' terreno fertile per il coronavirus, riconoscerlo dall'influenza è difficile per questo abbiamo impostato una vaccinazione di massa"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato