Contenuto sponsorizzato

Cambiare la legge sul caporalato, Flai Cgil del Trentino: ''Il ministro non ha capito il senso del provvedimento''

Il Governo pensa di escludere le imprese dalle sanzioni. Il sindacato: ''Sono proprio le imprese, assieme ai caporali, che sfruttano i lavoratori  pagandoli pochi euro'

Di gf - 05 luglio 2018 - 19:12

TRENTO. La legge 199/2016 contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo è “un atto di civiltà”, “rappresenta una prima risposta alle troppe morti nei campi italiani”, per questo non deve essere indebolita ma bensì “implementata”. Questo quanto chiede una lettera indirizzata ai parlamentari italiani scritta da un folto gruppo di organizzazioni, associazioni e sindacati preoccupate da alcuni dichiarazioni fatte dall'attuale Governo.

 

A firmare questa lettera sono Fabio Ciconte, direttore di Terra! Onlus ma anche associazioni come Amnesty Italia, Emercency, e alcune rappresentanze sindacali.

 

La legge 199 ha esteso il reato di caporalato alle aziende che, attraverso i caporali, affittano le persone fino a due euro l’ora e facendole poi lavorare e vivere in condizioni disumane. Il ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio ritiene che queste aziende non debbano essere più punite.

 

“Intervenire in questo modo a modificare la legge sul caporalato – spiega Maurizio Zabbeni segretario trentino della Flai Cgil – significa non aver capito il senso di questo provvedimento. Se da un lato c'è il caporale dall'altro ci sono le aziende che chiedono manodopera e che poi la sfruttano”.

 

Il caporalato esiste anche in Trentino e ne abbiamo conferma dalle recenti indagini portate a termine dalla Guardia di Finanza di Trento e di Bolzano che hanno visto decide e decine di lavoratori sfruttati e fatti dormire in condizioni disperate. Allo stesso tempo sono ancora diversi i filoni d'inchiesta che continuano ad essere portati avanti anche in Trentino, nel settore dell'agricoltura. Decide e decine di lavoratori che vengono portati dalle provincie confinanti nella campagne di Riva del Garda per la raccolta dell'uva e pagati poi dalle aziende pochi euro.

 

“Se si vuole modificare la legge contro il caporalato – spiega Zabbeni – lo si deve fare per rafforzarla ancora di più. Dovremmo invece impegnarci per metterla in pratica. Parti di questo provvedimento sono rimaste ancora solo sulla carta”.

 

Anche per questo in Trentino si sta lavorando per dare vita ad una cabina di regia per mettere assieme rappresentanti istituzionali, sindacali e delle associazioni di categoria del mondo agricolo. Un ente che permetterebbe di creare sinergia tra i diversi settori, favorendo il collocamento dei lavoratoril'incontro legale tra domanda e offerta di lavoro oltre ovviamente la funzione di controllo ed eventualmente di repressione dell'illegalità in collaborazione con gli organi preposti.

 

 

Riportiamo qui la lettera di associazioni e sindacati al Parlamento

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 12:15

Sono svariati migliaia i tamponi processati per cercare le varianti in Alto Adige e complessivamente i casi trovati sono 630 e ''finora la mutazione sudafricana è stata trovata solo nella zona di Merano, Val Passiria e Val Venosta''

27 febbraio - 08:42

L'ex presidente della Provincia giovedì ha lasciato il Patt e negli ultimi giorni ha ''regalato'' like e ''retweet'' in serie a Carlo Calenda, al suo movimento, ai rappresentanti provinciali Laura Scalfi e Mario Raffaelli. Intanto la certezza è l'ingresso di Isacco Corradi: ''Non ho mai aderito ad un partito prima d’ora pur collocandomi idealmente e per conciliabilità con i miei valori nel centro sinistra. In questo momento difficile per tutto il Paese ho riconosciuto una unica voce coerente''

26 febbraio - 17:33

Il Comitato per la salvaguardia dei passi dolomitici ha parlato a nome degli operatori e residenti che non possono usufruire del Passo Sella per spostarsi, in quanto ancora chiuso. "Nessuno si è mai preoccupato di come vanno le cose sui passi. Ma le tasse per i servizi che non vengono fatti le paghiamo regolarmente"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato