Contenuto sponsorizzato

Capodanno, piazza Duomo un successo. In migliaia tra musica e tanto divertimento

A partire dalle 23 la Divina Band sul palco. In piazza anche tantissime famiglie. Stanchina: "Tutto ha funzionato molto bene", Verones: "Un grande successo"

Pubblicato il - 01 gennaio 2018 - 12:38

TRENTO. Musica, divertimento e una piazza piena di famiglie e persone di tutte le età. Grande successo per “Capodanno 2018” in piazza Duomo a Trento che ha visto quest'anno tanti trentini e numerosi turisti festeggiare con la coinvolgente esibizione della “Divina Band”.

 

 

A partire dalle 23 costumi e coreografie hanno fatto da sfondo a famosissime hit italiane e internazionali degli anni Settanta-Ottanta tra cui interpretazioni di indimenticabili artisti quali Madonna, Village People e Bee Gees. Musica e ritmo che hanno fatto scatenare molti in balli di ogni tipo.

 

Secondo l'organizzazione sono state 5 mila le persone che nel corso della nottata sono arrivate in piazza per prendere parte all'evento organizzato dall'APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e dal Comune di Trento, in collaborazione con Radio Italia Anni ‘60, Dolomiti Energia e Itas Assicurazioni.

Capodanno 2018 in piazza Duomo a Trento

“Una scommessa vinta. Il Capodanno in Piazza Duomo è stato un grande successo per la presenza dei numerosi turisti e cittadini che si sono riversati con molto entusiasmo in una delle più belle piazze d’Italia. Trento si conferma ancora una volta città del Natale e punto di riferimento culturale, ma anche per il divertimento” ha affermato Elda Verones, direttrice dell’APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi.

 

Da parte degli organizzatori anche grande soddisfazione per il clima di festa che si respirava in piazza che ha permesso alla serata di svolgersi senza problemi.

 

“E' stata una entusiasmante serata – ha affermato anche l'assessore Roberto Stanchina - tutto ha funzionato molto bene, anche le straordinarie misure di sicurezza che sono state adottate hanno garantito la miglior riuscita dell’evento che chiude un mese di grandi eventi molto ben organizzati.”

 


La Divina Band ha portato in Piazza Duomo la miglior musica dance degli anni 70/80/90/2000 fino ai giorni nostri, colonna sonora di uno spettacolo dinamico, coinvolgente, ricco e stravagante. La loro scaletta ha compreso tutti i grandi classici della musica dance, i temi delle grandi colonne sonore di film come Footlose o The Blues Brother, i grandi artisti della musica dance italiana come Ivana Spagna, Raf, Gazebo, Gigi d’Agostino e ovviamente gli immancabili classici di Raffaella Carrà, Renato Zero e i Ricchi e Poveri.

 

Particolare attenzione è stata data alla sicurezza. Le quattro vie di accesso alla piazza sono state presidiate dai vigili del fuoco, la polizia locale e le altre forze dell'ordine con la creazione di alcuni sbarramenti antiterrorismo. Terminato l'evento il personale di Dolomiti energia ha provveduto a ripulire la piazza.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato