Contenuto sponsorizzato

Circonvenzione di incapace, una coppia a processo. Accusata di aver sottratto a due anziani 600 mila euro

Gli imputati, la nipote e suo marito, respingono le accuse. Per la difesa avrebbero usato il denaro per assistere i vecchi parenti. Ma un'altra parente ha fatto denuncia. Ora sarà il giudice a dover decidere se abbiano approfittato della fragilità psichica degli anziani

Pubblicato il - 21 ottobre 2018 - 10:11

TRENTO. L'accusa è quella di circonvenzione di incapace, mossa nei confronti di una coppia che da anni si prendeva cura della nonna e di suo nipote, che viveva con lei. Alcuni parenti hanno segnalato trasferimenti eccessivi di denaro dai conti correnti degli assistiti a quelli della coppia, non tutti giustificabili per le cure, nemmeno per la retta della casa di riposo. Tanti soldi che ammontano, secondo la Procura, a quasi 600 mila euro.

 

La coppia che ora deve affrontare il processo respinge le accuse, affermando che i soldi erano spesi per l'assistenza e che la vecchia zia avrebbe lasciato loro tutti i suoi averi a patto che si fossero occupati anche del nipote che viveva con lei, ora novantenne.

 

L'accusa parla invece di circonvenzione di incapace: avrebbero convinto i due anziani a compiere disposizioni patrimoniali in loro favore. Dall'ammontare, tolti anche i costi vivi della retta nella casa di cura, mancherebbero diversi soldi. Tra queste disposizioni di pagamento ce ne sarebbe una di 720 mila euro dalla vecchia zia al marito della nipote. 

 

Ora però sarà il giudice a dover stabilire se quei versamenti fossero regolari e andassero a sostenere le spese di cura, oppure se fossero sottratti al patrimonio dei due anziani approfittando del loro stato psichico. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 19:34

Nella serata di ieri il Gattogordo di Trento è stato teatro di una discussione animata tra il proprietario Villotti e un gruppo di carabinieri, poliziotti e finanzieri. Secondo questi ultimi, dalle 20 il ristorante non può servire ai tavoli solamente bevande. L’oggetto del dibattito è la parola “attività” di ristorazione, che ha generato non poca confusione

31 ottobre - 18:56

In valore assoluto i dati più alti si registrano nei centri più popolosi (che è quello che sarebbe dovuto succedere anche nella prima ondata) e quindi dei 390 casi totali ben 208 sono concentrati tra Trento (127), Rovereto (56), Pergine (15) e Riva del Garda (10)

31 ottobre - 18:21

Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha firmato le nuove ordinanze per i Comuni-Cluster valide per 14 giorni. Ai Comuni di Laives, Malles, Sarentino, Campo di Trens e Racines si aggiungono oggi anche Sluderno, Glorenza, Tubre, Gargazzone, Val di Vizze e Rasun-Anterselva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato