Contenuto sponsorizzato

Dati da record, vento a 217 km/h e minimi di pressione tra i più bassi nella storia italiana

Resiste il record stabilito sugli appennini emiliani nel 2016, ma le raffiche sul passo Rolle sfiorano l'aggiornamento del primato. Rizzonelli di MeteoTriveneto: "Questo spiega l'eccezionalità dell'ondata di maltempo"

Pubblicato il - 05 novembre 2018 - 16:14

TRENTO. Raffiche da 217,3 km/h, questa l'intensità del vento registrata dalla stazione meteorologica posizionata a passo Rolle. Un dato poco distante dal record italiano di 238,2 km/h stabilito nel 2016 ai 1.700 metri del passo Croce di Arcana sugli appennini emiliani. 

"La stazione sul Rolle - commenta Giampaolo Rizzonelli di MeteoTriveneto - è normalmente collegata online sette giorni su sette e ventiquattro ore su ventiquattro, ma l'ondata di maltempo ha interrotto il collegamento. Solo nella giornata di ieri i responsabili dell'impianto di risalita Ces Colverde e passo Rolle sono riusciti a recuperare la strumentazione, mentre nei prossimi giorni sarà possibile ristabilire il funzionamento di tutto" (Qui link alla stazione meteo).

 

Questo impianto è stato posizionato 5 anni fa per monitorare il comprensorio sciistico di San Martino di Castrozza. Il tecnico è riuscito a raggiungere fisicamente il sito dell'installazione per recuperare la consolle della stazione meteo che contiene il datalogger, strumento quest'ultimo che ha memorizzato i dati meteo dell'ondata di maltempo che si è abbattuto sulla zona.

 

"E' doveroso - dice l'esperto di MeteoTriveneto - un particolare ringraziamento ad Alberto Tisot per l'aiuto fondamentale in un momento davvero difficile per l'Alto Primiero, dove le strade sono ancora parzialmente chiuse e il pericolo frane è costante. I dati relativi al vento sono molto significativi e dimostrano l’eccezionalità dell’evento (Qui articolo)".

 

Cosa è stato registrato a passo Rolle? "Le massime raffiche, cioè la velocità in un determinato istante, sono state registrare il 29 ottobre - dice Rizzonelli - tra le 19 e le ore 20 con 217,3 km/h e tra le 20 e le 21 con 193,1 km/h. In entrambi i casi in direzione Sud-Est".

 

Non solo. Si è registrata una raffica di 160 km/h alle 15 del 29 ottobre, quando ancora era attiva l’energia elettrica, scomparsa intorno alle 17, la stessa raffica registrata nei due giorni precedenti, 27 e 28 ottobre, che sono a certificare il luogo davvero estremo e limitato, dove è stata installata la stazione meteo.

 

"La pressione - spiega MeteoTriveneto - ha subito un crollo da 996 delle 11 alla misura di 988 delle 20,  tra i minimi di pressione più bassi della storia italiana, e contemporaneamente il vento è salito esponenzialmente dalle 19 alle 22, con una media di raffiche intorno ai 185 km/h con il picco alle 20 di 217,3 km/h".

 

Altre registrazioni di vento record si sono avute in Veneto tramite Arpav, precisamente al Monte Verena (2.000 metri, 161 km/h) e soprattutto al Monte Cesen (1530 metri, 192 km/h), mentre come anticipato il record di 238,2 km/h è stato registrato a passo di Croce Arcana l’11 gennaio 2016, ma in quel luogo i 200 km/h vengono superati diverse volte nel corso dell'anno. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 15:38

L'attività di prevenzione e repressione delle violazioni in materia di "tutela della salute", "sicurezza prodotti" e "contraffazione" si è intensificata nel corso dell'emergenza sanitaria per Covid-19 e i finanzieri hanno stroncato un illecito da oltre 100.000 euro, un volume d'affari che corrisponde al valore commerciale delle mascherine se fossero state immesse sul mercato

27 maggio - 12:03

E' successo questa mattina. I due uomini stavano risalendo il canalone con i ramponi quando, probabilmente, sono stati investiti da una scarica di sassi e Zenatti ha perso l'equilibrio

27 maggio - 15:58
L'allerta è scattata intorno alle 15.30 in località Cercenà di Roncone sul territorio di Sella Giudicarie. Secondo le prime informazioni, una persona stava effettuando alcuni lavori in zona del rifugio la Rocca a quota 1.000 metri
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato