Contenuto sponsorizzato

Dopo la sospensione e le tensioni, il direttore del Centro S. Chiara è ancora Francesco Nardelli

Il precedente bando era stato annullato dal Cda del Centro per auto-tutela. Il nuovo bando ha visto cinque candidature. Alla fine a spuntarla è stato nuovamente Nardelli. Nominato nel 2012 è il terzo mandato per l'attuale direttore

Di Luca Andreazza - 21 dicembre 2018 - 15:13

TRENTO. Nessuna rivoluzione per il Centro servizi Santa Chiara, Francesco Nardelli resta al timone del principale ente culturale trentino. Il direttore si siede al suo posto, rimasto vacante circa due mesi dopo l'annullamento del bando da parte del Consiglio di amministrazione come auto-tutela per aver presentato una documentazione lacunosa.

 

La riconferma per l'incarico triennale nel ruolo di direttore era arrivata appena in giugno, quando il Cda aveva preso atto del verbale presentato dalla commissione di valutazione istituita per la selezione pubblica bandita il 19 aprile scorso. 

 

"Tale conferma - si leggeva nella nota - consente al dott. Nardelli di portare avanti il lavoro realizzato nei precedenti mandati, dal 2012 al 2018, mantenendo la linea di continuità che ha caratterizzato le attività svolte dal Centro Servizi Culturali S. Chiara negli ultimi anni" (Qui articolo).

 

Nel frattempo però era intervenuto Agostino Carollo, il quale avrebbe voluto concorrere alla carica e aveva sollevato alcune perplessità sulla documentazione presentata da Nardelli. Così si era arrivati alla procedura di annullamento dell'incarico. Una decisione assunta dal Consiglio d'amministrazione in auto-tutela e la conseguente riapertura della procedura di selezione che aveva amareggiato il direttore.

 

Una sospensione che aveva incrinato la serenità di Nardelli, tanto da mettere in dubbio la voglia di ricandidarsi. Ferito nell'orgoglio dopo due mandati nei quali ha risollevato le proposte e l'immagine del Santa Chiara: una perdita di esercizio di circa 700 mila euro, con un patrimonio in grave perdita, in negativo di tre milioni e 600 mila euro nel 2012 a un patrimonio netto di un milione e 600 mila euro e un utile positivo a recuperare il precedente disavanzo.

 

Ai risultati economici si aggiungono quelli dell'offerta culturale: da 144 giornate di spettacolo nel 2012 alle 242 del 2017 con superamento del record storico di abbonamenti

 

Tra le considerazioni anche quella di natura politica: era il 16 ottobre e il centrosinistra provinciale mostrava più di qualche scricchiolio. Pur senza prendere posizione, Nardelli si era chiesto quale fosse il futuro della Giunta provinciale dopo le elezioni: "Non so - aveva detto - se chi verrà vorrà poi proseguire su questa strada. Noi ci siamo impegnati a ridurre il disavanzo e a rilanciare il Centro e seppur in termini graduali questo si è accompagnato ad un graduale aumento delle risorse disponibili" (Qui articolo). 

 

Un ente privato, ma le decisioni sono principalmente pubbliche: i soldi vengono messi sul piatto dalla Giunta provinciale. "Ma sarà ancora così? Il problema - si era chiesto - non è l'autonomia decisionale sulla produzione, ma l'eventuale riduzione del sostegno economico". 

 

Ora è arrivata l'ufficialità: Francesco Nardelli si riprende il terzo mandato. La nomina è stata deliberata dal Consiglio di amministrazione del Centro a conclusione del bando del 30 ottobre. I candidati, inizialmente cinque, sono stati valutati da Lorenzo Cinatti (Commissario), Claudia Marsilli Bach-Frederiksen (Commissario esperto linguista), Anna Cattoi (Commissario presidente), Francesco Cappelletti (Segretario di nomina provinciale) e Laura Pedron (Commissario di nomina provinciale).

 

La commissione ha successivamente valutato idonei per il colloquio del 12 dicembre solamente 3 candidati. A seguito dei colloqui, il 13 dicembre, la commissione ha ritenuto idonei due candidati,  cioè Sergio Maifredi e Francesco Nardelli. La decisione è successivamente passata nelle mani del Cda del Centro, che in data odierna ha infine decretato il direttore uscente

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
12 maggio - 20:36
Trovati 71 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 60 guarigioni. Sono 859 i casi attivi sul territorio provinciale
Politica
12 maggio - 20:12
Bocciata la proposta di Futura per consentire di riaprire all’aperto anche ai circoli dell’associazionismo. Zanella: “Resta l’amarezza, la [...]
Politica
12 maggio - 19:44
La Provincia intende acquistare 2,8 milioni di quote di Itas Mutua. Sono emersi dubbi, in particolare da parte di Onda civica, Partito [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato