Contenuto sponsorizzato

E' Michela Ramponi la donna che ha perso la vita travolta dal fango, la figlia si salva per miracolo

La frana di Dimaro ha distrutto l'area del camper. I detriti hanno percorso la Val del Rio Rotian per abbattersi sulle case e le infrastrutture della zona distruggendole e spostando circa 50.000 metri cubi di materiali (VIDEO e FOTO ALL'INTERNO)

Pubblicato il - 30 ottobre 2018 - 11:29

DIMARO. Si sarebbe salvata aggrappandosi a un albero la figlia di Michela Ramponi la donna di 45 anni trovata morta questa mattina. Una colata di fango e detriti si è abbattuta sulla zona del campeggio di Dimaro andando a spazzare via tutto.

 

Un'imponente frana (si è calcolato che il movimento terra totale si stato di circa 50.000 metri cubi) che è scivolata giù dalla zona di Folgarida e ha percorso la Val del Rio Rotian e per circa 2 chilometri coprendo un dislivello di alcune centinaia di metri. La forza con la quale si è abbattuta su quello che era il campeggio della zona (chiuso in questi giorni ma che avrebbe aperto nel fine settimana) è stata molto impattante e nel suo passaggio ha letteralmente spazzato via un ponte e poi ha raggiunto anche la strada per il Tonale.

 

 

 

 

 

Dimaro, il paese investito e diviso da una colata di fango e sassi

Michela Ramponi si trovava nella casa e dalle prime ricostruzioni pare stesse cercando di scappare dirigendosi verso l'esterno. In quel momento si è abbattuta la colata di fango e mentre la figlia è riuscita miracolosamente a salvarsi, sembra aggrappandosi ad un albero spinta dai detriti, la madre, invece, non sarebbe riuscita ad uscire rimanendo intrappolata nella casa sommersa dalla frana.

 

La prima delle frane che ha colpito il paese è stata verso le 19 di ieri sera, a questa è seguita un'altra accompagnata da un forte boato. La massa di acqua e detriti, come detto, si è staccata lungo la Valle del Rio Rotian mentre un'altra frana si è staccata verso Monclassico, però di dimensioni nettamente inferiori a quella distruttiva di Dimaro; inoltre tre frane sono state segnalate da Dimaro in direzione di Passo Campo Carlo Magno.

 

Le avverse condizioni e l’impraticabilità della zona hanno reso particolarmente difficili le operazioni di intervento alle quali hanno concorso squadre di vigili del fuoco volontari con l’apporto del corpo permanente di Trento. Sono oltre venti le case interessate dalla frana, circa duecento gli sfollati. Un centinaio gli operatori al lavoro. A questi si aggiunge il campeggio di Dimaro che è stato totalmente distrutto. Come ha confermato il sindaco Andrea Lazzaroni, è stato un colpo molto duro per la comunità e adesso con il sostegno di tutte le componenti della Protezione civile trentina ci si sta adoperando per risolvere i problemi più urgenti, legati soprattutto alla viabilità e alla sistemazione degli sfollati che sono ospitati adesso presso parenti o strutture alberghiere della zona anche presso Malé. 

 

Per liberare l’accesso alla casa sono stati utilizzati escavatori che hanno permesso di ricavare un varco attraverso il quale i soccorritori hanno raggiunto l’interno della casa dove è stato trovato ormai senza vita il corpo della donna. Da ore si alternano le squadre dei vigili del fuoco che stanno liberando le strade e poi si occuperanno delle case. L'obiettivo è di riuscire entro la giornata di domani a ripulire dalla maggior parte delle macerie il paese, mentre ancora l'acqua sta defluendo verso valle copiosa.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 agosto - 19:21

Dopo l'azione degli Schützen di ieri, che hanno coperto i nomi tedeschi in 600 cartelli per denunciare l'ingiustizia della non ufficialità dei toponimi tedeschi, la questione torna al centro del dibattito. Delle Donne: "E' meramente politica, fu l'Svp a non renderla ufficiale". Klotz: "Si vuole dare valenza istituzionale a nomi fascisti e inventati. L'azione degli Schützen evidenzia l'ingiustizia"

17 agosto - 12:12
Le tracce del plantigrado sono state trovate nelle vicinanze di malga Ora a quota 1.875 metri tra il passo Lavazè in val di Fiemme e Nova Ponente sul versante altoatesino. Le orme sono state rilevate dopo che altre tracce erano state lasciate dal plantigrado nel territorio del comune di Giovo sul versante di Faedo. La Provincia conferma
17 agosto - 18:39

E' successo questo pomeriggio. A perdere la vita è un uomo di 54 anni che stava percorrendo la strada dal Tonale verso Vermiglio. Sul posto vigili del fuoco, soccorsi sanitari, elicottero e carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato