Contenuto sponsorizzato

Elezioni, si è votato anche al carcere di Spini: "Affluenza in crescita"

Le operazioni si sono svolte senza particolari criticità e l'affluenza è stata nettamente superiore alle votazioni precedenti. La Garante provinciale dei diritti dei detenuti: "Necessaria una riforma dell'ordinamento penitenziario"

Pubblicato il - 04 marzo 2018 - 22:13

TRENTO. Ultimi istanti per esprimere la propria preferenza, grande affluenza nelle urne sparse sul territorio (Qui articolo) e si è votato anche al carcere di Spini.

 

"Le operazioni - spiega Antonia Menghini, Garante provinciale dei diritti dei detenuti - si sono svolte senza particolari criticità e l'affluenza è stata nettamente superiore alle votazioni precedenti. Ringrazio il presidente e i due scrutatori del seggio elettorale, che si sono prodigati per garantire la corretta modalità di espressione del diritto di voto da parte dei detenuti, oltre all'ufficio matricola della Casa circondariale che ha validamente operato nel seguire le procedure di accesso al voto".

 

Un momento per esprimere un appello: "E' necessaria - conclude Menghini - una riforma dell'ordinamento penitenziario, che risale al lontano 1975. In particolare, non posso non esprimere convinto apprezzamento per quanto si prevede nello schema di decreto legislativo attuativo della legge delega Orlando in relazione alla vita detentiva ed ai diritti dei detenuti".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 20:28

Sono 297 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi, mentre sono 38 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

 
 
20 gennaio - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 gennaio - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato