Contenuto sponsorizzato

Firmato l'accordo per il rilancio degli impianti sciistici della Predaia e della Mendola

Coinvolti Provincia, Trentino Sviluppo, Altipiani Val di Non spa ed enti locali. "Questa firma rappresenta il punto finale di un percorso iniziato nel 2015"

 

 

Pubblicato il - 06 agosto 2018 - 16:50

TRENTO. "Questa firma rappresenta il punto finale di un percorso iniziato nel 2016 ma anche un punto di partenza di fondamentale importanza per la nostra società e per le comunità interessate". L'entusiasmo di Ivan Larcher, presidente della Altipiani Val di Non, è palpabile.

 

L'accordo siglato è importante: il rilancio degli impianti sciistici di Predaia, monte Nock e Mendola. Alla firma l'assessore al turismo Michele Dallapiccola, il vicepresidente di Trentino Sviluppo Fulvio Rigotti, il presidente di Altopiani Val di Non Ivan Larcher e i rappresentanti dei comuni di Cavareno, Fondo, Predaia, Malosco, Romeno, Ronzone, Ruffrè-Mendola, Sarnonico, Sfruz, Ton.

 

A monte dell'operazione, come di altre dello stesso tenore che sono maturate in questi ultimi mesi, una decisione della Giunta provinciale dell'ottobre 2015, che concentrava l'attenzione sulle stazioni invernali a interesse locale, quelle che consentono a tutta la popolazione, ed in particolare ai più giovani, di accedere allo sci, ma che al tempo stesso sono in grado di intercettare una domanda turistica che non necessariamente si orienta verso i grandi caroselli sciistici, privilegiando le località meno frequentate, coniugando sport, paesaggio, relax.
 

L'accordo prevede che Trentino Sviluppo proceda ad acquisire, entro l'ottobre 2018, alcuni asset degli impianti della Predaia e della Mendola, fra cui un nastro trasportatore, in sostituzione dell’attuale, a servizio della skiarea della Predaia, e la seggiovia biposto ad attacchi fissi “Monte Nock– Ruffrè”, sulla quale sarà effettuata a spese dell’acquirente la revisione generale.

 

Entro il 30 novembre 2019 è invece previsto l'acquisto della linea di adduzione e dell'impianto di innevamento a servizio della skiarea della Predaia. Gli asset saranno saranno successivamente concessi in locazione ad Altipiani Val di Non spa per un periodo non inferiore ad 4 anni. L'investimento pubblico è di circa 600 mila euro, quello dei comuni firmatari di quasi 200 mila euro.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 12:01

La notizia de il Dolomiti è stata ripresa dal giornalista Berizzi, che vive sotto scorta dopo le inchieste sull'estrema destra italiana, nella sua rubrica al titolo di ''Ruoli''. E' proprio sul ''ruolo'' di Andrea Asson che si discuterà in consiglio provinciale quando Bisesti dovrà rispondere all'interrogazione di Zeni: può uno che commenta la scelta del sindaco di Trento (poi ripresa da tutti i territori alpini) di rinunciare ai Mercatini ''portae inferi non praevalebunt'' e che scrive di essere a Roma in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Wuhan essere il braccio destro del numero 1 alla cultura e all'istruzione?

01 dicembre - 11:30

Sono 283 i contagi identificati a fronte di 3.428 tamponi per un rapporto contagi/tamponi che si attesta all'8,3%. Un dato che si divide tra i 94 positivi ai 1.185 tamponi molecolari (7,93%) e i 189 casi con 2.243 test antigenici (8,43%)

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato