Contenuto sponsorizzato

Forti raffiche di vento e una casa perde il tetto, tanti gli interventi per alberi e piante cadute

Le zone più bersagliate sono la Val di Non e la Val di Sole con i corpi dei vigili del fuoco in azione per tagliare piante e rimuovere rami pericolanti. Decine e decine le chiamate al Numero unico di emergenza

Pubblicato il - 24 October 2018 - 13:28

PELLIZZANO. Diversi gli interventi dei pompieri in Trentino intervenuti per pulire diverse strade provinciali e mettere in sicurezza molte zone. 

 

Le forti raffiche di vento stanno infatti causando danni e la caduta di tante piante in diversi territori. Decine e decine le chiamate al Numero unico di emergenza.

 

Le zone più bersagliate sono la Val di Non e la Val di Sole con i corpi dei vigili del fuoco in azione per tagliare piante e rimuovere rami pericolanti.

 

L'intervento più complicato e urgente si è verificato a Pellizzano, dove il vento ha parzialmente scoperchiato il tetto di un'abitazione.

 

E' successo intorno alle 12.30 in via Nazionale nell'abitato solandro. La copertura ha ceduto a causa della forza del vento e parte del tetto si è sollevato.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portate diverse unità dei pompieri: il corpo di Pellizzano e quello di Mezzana, ma anche i vigili del fuoco di Malè.

 

I soccorsi hanno subito messo in sicurezza l'area e quindi sono saliti sul tetto della casa per verificare lo stato dell'edificio e stabilizzare la copertura per rimediare ai danni del vento.

 

L'operazione si è conclusa dopo un paio d'ore e il tempestivo intervento dei vigili del fuoco ha permesso di limitare i danni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 December - 15:17

La denuncia della referente case di riposo, Piersanti: ''La struttura ha solo 10 posti letto accreditati come posti di sollievo a minore intensità assistenziale, gli altri sono sul libero mercato. Quindi solo per i 10 va rispettato il parametro assistenziale con le regole delle Rsa pubbliche''. A Mori si sono negativizzati 6 dei 14 ospiti positivi prima di venerdì

02 December - 16:25

Grande lutto nella comunità trentina e nel ciclismo italiano per la perdita di Moser, capostipite di una famiglia che ha scritto pagine importanti delle due ruote a livello internazionale

02 December - 13:31

L'ordine degli Infermieri ha scritto una lettera al presidente Fugatti e all'assessora Segnana chiedendo interventi concreti "Per mettere nelle condizioni giuridiche e deontologiche di poter continuare a garantire l’assistenza nel miglior interesse del cittadino e per valorizzare le competenze degli infermieri". Anche negli scorsi mesi l'Opi ha scritto alla Provincia sottolineando alcune preoccupazioni. Non è però mai arrivata una risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato