Contenuto sponsorizzato

Itas, parte ufficialmente il processo dell'anno. Più di 80 i testimoni, molti della Trento bene

L'obiettivo, per il collegio di giudici presieduto da Giuseppe Serao, è di arrivare a chiudere il dibattimento entro il mese di luglio. Si inizierà il 7 giugno con l'escussione dei testi dell'accusa poi si andrà al 14 giugno con Alessandra Gnesetti, per proseguire con i rimanenti testimoni il 26 luglio

Di db - 12 aprile 2018 - 19:08

TRENTO. Il processo Itas si è aperto formalmente oggi, con la prima udienza che è servita esclusivamente per l'ammissione delle prove e per la calendarizzazione delle prossime udienze. L'obiettivo, per il collegio di giudici presieduto da Giuseppe Serao, è di arrivare a chiudere il dibattimento entro il mese di luglio.

 

Gli imputati, oggi assenti, sono Ermanno Grassi, ex direttore generale di Itas, Paolo Gatti, ex dirigente e procuratore speciale di Itas Patrimonio, il titolare della Target sas Roberto GiulianiGabriele Trevisan, rappresentante della Point Rent Car, e Alessandra Gnesetti, ex responsabile gadget dell'Itas e grande accusatrice.

 

Quest'ultima è nel processo anche nella veste di parte lesa, l'accusa di calunnia nei confronti di Grassi. Sarà quindi sentita come testimone, e una delle udienze in calendario sarà forse dedicata totalmente alla sua deposizione. Si inizierà il 7 giugno con l'escussione dei testi dell'accusa poi si andrà al 14 giugno con Alessandra Gnesetti, per proseguire con i rimanenti testimoni il 26 luglio.

 

Testimoni che sono più di 80. Nel dettaglio, sono 25 quelli della Procura della Repubblica mentre in restati sono divisi tra le parti civili e, la parte più cospicua, le difese. Tra i nomi compaiono figure estremamente importanti: oltre ad Alessandra Gnesetti, nella lista testi anche l'ex presidente di Itas Giuseppe Di Benedetto, il vice Giuseppe Consoli e alcuni commercianti trentini.

 

Dieci capi d'accusa tra cui calunniatruffafalso, appropriazione indebita ed estorsione. Estorsione che, stando agli inquirenti, avrebbe riguardato proprio il presidente Di Benedetto: l'ex direttore generale avrebbe, infatti, incaricato un investigatore privato di pedinare il numero uno di Itas al fine di ricattarlo su questioni personali (Qui articolo).

 

Si è ufficialmente aperto quindi il processo dell'anno, con un dibattimento che impegnerà tutta l'estate per andare quasi sicuramente al prossimo autunno con le conclusioni. Nell'aula, davanti al collegio, erano assiepati numerosi avvocati, e lo spazio dedicato al pubblico era occupato, oltre che dalla stampa, anche da studenti di giurisprudenza interessati allo svolgimento processuale.

 

Il processo andrà a fondo di tutte le questioni, facendo emergere tutti gli eccessi e le 'storture' della passata amministrazione della società mutualistica trentina. Gli ottanta testimoni che sfileranno uno dopo l'altro nelle tre sedute già fissate racconteranno i rapporti personali, economici e di affari, anche quelli illegali e impropri, di tutti i protagonisti di questa vicenda.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 luglio - 06:01

L’ex veterinario della provincia di Trento contrario all’abbattimento dell’orsa: “Ogni esemplare ha una sua individualità e pertanto si comporta in modo diverso, JJ4 potrebbe aver agito per difendere i cuccioli, perlomeno le andrebbero concesse le attenuanti generiche e data una seconda possibilità. Probabilmnete era con i cuccioli”

06 luglio - 19:07

Come il 14 giugno anche ieri il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco è dovuto partire dalla caserma di Trento e raggiungere l'elicottero via terra. Impressionante il VIDEO che vi mostriamo dove si vede il secondo mezzo (il loro) che arriva quando ormai non c'è più nulla da fare. Degasperi: ''Dopo la prima tragedia avevo interrogato l'Aula per sapere perché non si sta facendo come si è sempre fatto negli anni passati. Nessuno mi ha risposto e ora c'è stato un altro morto con una dinamica identica. Va individuato il responsabile e gli va fatto cambiare lavoro''

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato