Contenuto sponsorizzato

Lavori pubblici, 16 milioni di euro in gare per il Comune di Trento nel 2017. Gilmozzi: "Nessun nuovo contenzioso e rispettati i tempi"

A fare la parte da leone lo scorso anno sono stati i lavori su strade e marciapiedi. Per il 2018 gli stanziamenti maggiori per i nuovi uffici comunali e i nidi. Entro l'anno saranno terminati i lavori di Piedicastello

Di gf - 13 febbraio 2018 - 19:40

TRENTO. Nel corso del 2017 il Comune di Trento ha aggiudicato 52 gare per l'affidamento di lavori, servizi e forniture per un importo totale aggiudicato di quasi 16 milioni di euro. Per quanto riguarda i lavori da aggiudicare o aggiudicati nel 2018 le gare sono 23 con un importo lordo di 36,5 milioni di euro.

 

Stiamo parlando di lavori pubblici, del rifacimento di strade e sistemazione di marciapiedi ma anche interventi più sostanziosi che andranno a riguardare la città di Trento a partire dai futuri uffici comunali.

 

Un'attività sulla quale l'Ufficio appalti del comune di Trento questa mattina ha deciso di fare il punto. “In questi anni – ha spiegato l'assessore ai Lavori Pubblici, Italo Gilmozzi – siamo riusciti ad utilizzare tutti i soldi a disposizione affrontando anche le armonizzazioni di bilancio previste. L'unico blocco, per un deficit politico, lo abbiamo avuto solo per i lavori del campo di Candriai per un importo di circa 250 mila euro”. Detto questo, ha continuano l'assessore “Non siamo stati bloccati da contenzioni particolari e il tempo medio di conclusione dei procedimenti è stato di 59,86 giorni. rispettati ed anzi al disotto della tempistica regolare”.

 

Per quanto riguarda gli affidamenti di lavori, servizi e forniture indetti nel 2016 e 2017 e aggiudicati nel 2017, come già detto la parte da leone viene fatta dai lavori, soprattutto con il rifacimento e sistemazione di strade e marciapiedi. Il totale dell'importo base di gara è stato di 19 milioni e 79 mila euro per un totale di 15 milioni 930 mila euro di importo aggiudicato.

Delle 52 gare, 47 sono quelle riferite ai lavori per un importo complessivo di aggiudicazione di poco al di sopra dei 10 milioni di euro (su un totale di quasi 16 milioni di euro). Due sono riferite alle forniture e tre a servizi.

Uno dei dati che i dirigenti dell'Ufficio appalti hanno voluto mette in evidenza è la ricaduta, in termini economici, che questi lavori hanno avuto sul nostro territorio. Sono infatti 49 le imprese aggiudicatrici con sede in provincia di Trento (per un valore aggiudicato di 14,5 milioni di euro) e solo 3 quelle da fuori provincia.

“Sempre nel rispetto delle regole previste – ha spiegato l'assessore Gilmozzi – abbiamo cercato di favorire le imprese presenti sul nostro territorio”.

 

Cambiando periodo di rendicontazione, nel corso del 2017 sono state indette ma ancora non aggiudicate al 31 dicembre dello scorso anno, 23 gare per l'affidamento di lavori, servizi e forniture. In questo caso l'importo totale a base di gara è di circa 36,5 milioni di euro.

 

In questo caso a fare la parte da leone sono i lavori per la realizzazione dei nuovi uffici comunali e la gestione dei nidi con le esternalizzazioni. L'importo a base d'asta per i lavori è di 14 milioni e 700 mila euro mentre per i servizi l'importo a base d'asta è di 21 milione 820 mila euro.

L'ultimo aspetto riguarda i ribassi degli importi delle gare con un media che si è attestata attorno al 17% con una forbice che va da ribassi dell'1,29% per le gare che riguardano il verde e l'arredo urbano fino ad arrivare al 44% di una gara di lavori dell'importo di 100 mila euro.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 16:21

L'ok arriva dopo l'esame in camera di consiglio dei due ricorsi del presidente del consiglio contro Trentino e Alto Adige. La Consulta ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale. Rossi: "E adesso vengano elaborati i piani di gestione come abbiamo chiesto a inizio anno, anche se Zanotelli dice che non servono"

16 luglio - 14:17

Una fototrappola è scattata questa mattina e alle 9.29 ha immortalato l'orso tra i boschi della Marzola. E' già presente il personale forestale, attivato immediatamente dopo l'evento per assicurare monitoraggio, presidio territoriale e informazione

16 luglio - 10:47

Sono già 40 i casi di femminicidio avvenuti nei primi sei mesi dell’anno, un numero che non accenna a calare e perfettamente in linea con gli anni scorsi, dopo l’ennesimo caso interviene anche la senatrice trentina Conzatti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato