Contenuto sponsorizzato

Trento, il Comune impegnato nello sbarrieramento dei marciapiedi. Gilmozzi: ''Sensibilizziamo i cittadini a non bloccare i passaggi pedonali parcheggiando bici''

Per l'assessore ai lavori pubblici del Comune di Trento, Italo Gilmozzi: "Il bel vivere del cittadino non dipende dalle grandi opere, bensì dalla quotidianità"

Di Martino Brigadoi, Lisa Donati, Michela Moser, Lisa Giovanelli (Liceo Prati) - 22 February 2019 - 18:39

TRENTO. "Ogni anno il Comune di Trento impiega 250mila euro per la manutenzione dei marciapiedi e l'obiettivo è quello favorire sempre più la mobilità di tutti", questo l'obiettivo del Comune di Trento spiegato quest'oggi dal geometra Fernando Poli nel corso della presentazioni dei lavori che riguardano marciapiedi e strade del territorio comunale.

 

In quest'ultimo anno sono stati stanziati 600mila euro per l'asfaltatura delle strade. Nel 2018 ben 50mila euro stati usati per lo sbarrieramento e nel 2019 sono già 40mila  quelli usati con l'obiettivo di rendere autonoma a tutti la mobilità. Tale procedura prevede l'eliminazione degli ostacoli per tutti coloro che hanno ridotte capacità motorie.

 

Quello che sembra un'ostacolo insignificante, rappresenta invece un grande problema per i disabili. Buche, dislivelli e marciapiedi franabili sono solo alcune delle difficoltà che un ipovedente, non vedente o una persona con problemi è costretta ad affrontare ogni giorno. Per provvedere a questa problematica, si è deciso di contattare l'Associazione Trentina per Invalidi e Disabili Onlus (ASTRID).

 

Si è cercato quindi di migliorare ed ampliare gli interventi anche sulla base di una dettagliata relazione ricognitiva, predisposta dall' associazione stessa. Nella zona Centochiavi sono state predisposte delle piastre in prossimità delle strisce pedonali, dotate di zigrinature percettibili al tatto del piede, in modo da essere riconoscibili anche agli ipovedenti.

 

Anche la pendenza rappresenta un fattore determinante per una viabilità favorevole. La pendenza trasversale della rampa che conduce al transito pedonale dovrà essere dell' 1%. "Per tanto che si faccia, per chi ha problemi di deambulazione, non è mai abbastanza e ne siamo consci. Possiamo e dobbiamo fare di più. Un'amministrazione che si rende conto della sua inadeguatezza è già un grande passo avanti", spiega l'assessore Italo Gilmozzi.

 

Le tempistiche: i lavori per la manutenzione di strade e marciapiedi inizieranno da aprile, per proseguire fino all'estate, mentre quelli per lo sbarrieramento sono già cominciati nella zona dei Solteri e di via Lunelli. L'assessore conclude accennando ad alcuni ostacoli che senza pensarci creiamo: "una bici legata male, un motorino malamente parcheggiato, possono creare disagi non indifferenti. Nonostante la manutenzione favorisca le interazioni motorie, importante è un'opera di sensibilizzazione dei cittadini".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 maggio - 19:52
Trovati 36 positivi, non sono stati comunicati decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 113 guarigioni. Sono 689 i casi attivi sul [...]
Cronaca
18 maggio - 21:40
L'allerta è scattata lungo la MeBo in direzione nord all'altezza dell'uscita per Terlano. In azione la macchina dei soccorsi, due le persone [...]
Politica
18 maggio - 17:18
C'è da evidenziare che i numeri rispetto al capoluogo sono molto diversi: 998 domande a Trento tra ottobre 2020 e aprile 2021, mentre a Rovereto [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato