Contenuto sponsorizzato

Manifestazione al Brennero, si apre un secondo filone giudiziario: 63 gli indagati 

Sono i manifestanti di area anarchica finiti nel mirino della procura di Bolzano in seguito agli scontri avvenuti durante la manifestazione del 7 maggio 2016 al Brennero

Pubblicato il - 22 luglio 2018 - 09:20

BOLZANO. In questi giorni la procura di Bolzano sta notificando l'avviso di chiusura delle indagini a 63 persone che vengono iscritte per questo motivo nel registro degli indagati. Secondo l'accusa queste persone avrebbero preso parte agli scontri avvenuti durante la manifestazione del 7 maggio 2016.

 

Quel giorno centinaia di manifestanti appartenenti all'area anarchica scesero in strada per manifestare contro la chiusura del valico del Brennero minacciata dall'Austria che intendeva costruire una barriera per fermare i migranti che tentavano di attraversare il confine con l'Italia. Durante la giornata i manifestanti entrarono in contatto con le forze dell'ordine e il corteo sfociò in pesanti scontri, sei persone vennero arrestate sul posto, processate con rito abbreviato furono poi rilasciate. Qui il video ripreso dal casco di un agente

 

Il primo troncone d'indagine, avviato in primavera, ha coinvolto 86 anarchici per capi d'imputazione 'minori' che vanno dalla 'manifestazione non autorizzata' 'all'interruzione di pubblico servizio' passando per il 'travisamento in volto'.

 

In questo nuovo filone d'indagine i capi d'accusa contestati sono più 'gravi' e comprendono: 'lesioni', 'violenza privata', 'resistenza a pubblico ufficiale', 'interruzione di pubblico servizio' e 'radunata sediziosa' a questi vanno ad aggiungersi i reati di 'devastazione e saccheggio', che se confermati possono portare ad una condanna che va dagli otto ai quindici anni. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

22 novembre - 08:22

Si tratta di Luca Bettega. Sul posto si sono portati i carabinieri e il medico legale. E' stata disposta l'autopsia per accertare le causa della morte 

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato