Contenuto sponsorizzato

Marco Boni, il VIDEO dell'uomo che sale alla Ponale poco prima di lui. Il vicequestore a Chi l'ha Visto: "Non ci sono elementi che fanno pensare al suicidio"

La trasmissione di Rai3 continua ad occuparsi del caso del giovane scomparso a Riva del Garda il 16 febbraio. Il vicequestore Ascione spiega: "Noi continuiamo sull'ipotesi iniziale che possa essere accaduto un incidente però anche che il ragazzo si sia nascosto"

L'altro uomo che è salito verso la Ponale pochi secondi prima di Marco
Di Luca Pianesi - 01 marzo 2018 - 11:01

TRENTO. "Non ci sono elementi che ci fanno propendere per l'ipotesi di suicidio. Noi continuiamo sull'ipotesi iniziale che possa essere accaduto un incidente però anche che il ragazzo si sia nascosto. Preferisco pensare che Marco sia vivo e che lo troveremo". Così il vicequestore di Trento Salvatore Ascione su Rai3 a "Chi l'ha Visto" sulla vicenda legata alla scomparsa di Marco Boni.

 

 

 

 

Del giovane 16enne non si hanno notizie, ormai, da venerdì 16 febbraio ma le forze dell'ordine non perdono la speranza e continuano le ricerche sia su terra che nelle acque del Lago di Garda. Le piste seguite sono tante come tanti sono i dubbi e i misteri. Pare incredibile che un ragazzo si possa essere volatilizzato in questo modo. E' stato cercato, infetti, ovunque in questi giorni, con i mezzi del soccorso alpino tra sentieri e crepacci, con i vigili del fuoco che hanno battuto palmo a palmo ogni possibile strada e bosco, unità cinofile e subacqueepolizia e carabinieri che hanno verificato ogni segnalazione (compresa quella giunta da Brescia a il Dolomiti da una negoziante e "girata" immediatamente alla questura) purtroppo rivelatasi tutte infondate.

 

 

Le telecamere posizionate poco prima del sentiero della Ponale che quel 16 febbraio hanno ripreso per l'ultima volta il giovane, però, mostrano un ulteriore dettaglio: un uomo che sale verso il sentiero pochi secondi prima del giovane. Sentiero che è chiuso da tempo per i lavori di messa in sicurezza. I due si incontrano sicuramente, prima che il ragazzo scompaia, e infatti alle forze dell'ordine l'uomo avrebbe detto di aver scambiato due parole con Marco sul cantiere che sbarrava la strada e di essere, poi, tornato indietro.

 

 

Le telecamere lo riprenderanno, infatti, poco dopo mentre scende. Di Marco, invece, non si avrà più traccia. Le ricerche continuano.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 luglio - 11:53

Le dichiarazioni pubbliche di Fugatti dove ripete di sapere che la norma potrebbe essere incostituzionale (lo è certamente perché sulla questione ha competenza lo Stato) associate al danno, evidente, che si verrà a creare per catene e centri commerciali potrebbe portare i supermercati, poi, a chiedere dei grossi risarcimenti alla Pat. Intanto nel disegno leghista le più penalizzate saranno le città (quelle dove elettoralmente trovano meno spazio). Stanchina: ''Pura strategia di basso livello per affossare Trento. E' un ritorno a 30 anni fa''

02 luglio - 06:01

Non è l'unica iniziativa della Sat che si affida anche alla citizen science per coinvolgere amanti della montagna, simpatizzanti e satini. La richiesta è quella di inviare immagini e segnalazioni di arrossamento nivale. Il presidente del comitato glaciologico della Sat: "Tutti insieme si può contribuire allo studio della salvaguardia dei ghiacciai: la loro tutela è vitale per la montagna"

02 luglio - 11:41

In Senato la maggioranza del Governo Conte è appesa a un filo, così l’Svp passa all’incasso e in cambio della fiducia chiede lo sblocco delle concessioni sul’A22, deroghe sugli orari di apertura dei negozi ma soprattutto maggiore libertà d’azione nella gestione di lupi e orsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato