Contenuto sponsorizzato

Morte di Davide Astori, l'Apt Val di Fassa: "Un grande dolore, ricorderemo un ragazzo dai grandi principi anche qui"

La Val di Fassa, da sei anni sede del ritiro viola, si unisce al cordoglio per la scomparsa del difensore, 14 presenze in azzurro, trovato senza vita nella stanza d'albergo. Anche il Trento calcio esprime cordoglio

Di Luca Andreazza - 04 marzo 2018 - 18:04

TRENTO. "Scalpore e dolore. Conoscevo Davide Astori personalmente, un ragazzo inappuntabile che ben rappresentava la società. E' difficile trovare le parole per quanto successo. Il nostro pensiero è per la famiglia e la Fiorentina, ma organizzeremo qualcosa anche qui per valorizzare il ricordo di questo ragazzo", questo il commento di Andrea Weiss, direttore dell'Apt Val di Fassa, da sei anni sede del ritiro dei viola.

Una tragedia si è, infatti, abbattuta sulla Fiorentina e sul calcio italiano questa mattina. Il capitano Davide Astori, 31 anni, 14 presenze in azzurro, è stato trovato morto nella camera dell'albergo a Udine, dove si trovava con la squadra per giocare alla Dacia Arena.

 

Un notizia che ha spinto il Coni ha spostare tutte le gare dei principali campionati, mentre nelle serie minori si è sceso in campo dopo aver osservato un minuto di silenzio.

 

"Giusto fermare il campionato - evidenzia il direttore dell'Apt - per ricordare una persona di spessore e livello umano assoluto. Questa notizia ha scosso tante persone e sportivi anche in Val di Fassa. E' una domenica difficile".

 

Il difensore sarebbe deceduto nel sonno, forse per un arresto cardiocircolatorio. Questa mattina non si era presentato a colazione e alle 9.30 il massaggiatore è salito nella sua camera. Lo staff medico non ha nemmeno tentato le procedure di rianimazione.

 

Il corpo è stato trasportato all'obitorio di Udine in attesa di un esame preliminare della salma, mentre domani ci dovrebbe essere l'autopsia: Astori, come tutta la squadra, mercoledì si era sottoposto alle visite di controllo che sono routine per ogni squadra di Serie A e dall'elettrocardiogramma non era emerso niente di irregolare.

 

"E' incredibile - aggiunge il direttore - che possono accadere questi incidenti a persone giovani e controllate regolarmente. Una notizia che ci addolora e tanti messaggi di cordoglio sono arrivati anche noi".

 

Il mondo, non solo sportivo, si è unito intorno alla famiglia, che lascia i genitori, la moglie e una figlia di 2 anni. Da Gianluigi Buffon a Francesco Totti, così come tutte le squadre hanno voluto stringersi intorno al ricordo di Davide Astori, compreso il Trento Calcio. "Una persona - conclude Weiss - di valore, un vero e proprio esempio. Sempre disponibile, ricopriva il ruolo di capitano con grande responsabilità. Aveva tutti i principi per guidare la Fiorentina". 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 13:32

Il presidente della Provincia, assieme agli altri rappresentanti regionali leghisti, ha fatto da apripista del Capitano e ha cercato di sfoderare tre provvedimenti ''immagine'' adottati in Trentino nel primo anno di governo. Sul bonus bebè ha ricordato orgoglioso che ''non vale per tutte le famiglie'' (sia mai che si faccia una cosa per tutta la comunità) ma ha finito per esagerare sui ''limiti''

19 gennaio - 12:21

Erano all’incirca le 6e45 di mattina quando un furgoncino, parcheggiato in un garage, ha preso fuoco. Per diradare la coltre di fumo che aveva invaso il piano interrato i pompieri hanno utilizzato dei potenti ventilatori 

17 gennaio - 19:46

L’associazione cacciatori nel mirino di Filippo Degasperi: “Com’è possibile che l’ex direttore dell’Ufficio faunistico della Pat ricopra il ruolo direttore generale dell’Associazione Cacciatori Trentini, mentre si trova ancora in aspettativa?”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato