Contenuto sponsorizzato

Orsa Kj2, per la procura l'abbattimento non costituisce reato: ''Pericolo concreto, chiesta l'archiviazione''

Il plantigrado fu abbattuto l'estate scorsa. La procura aveva aperto un fascicolo ed ora è stata chiesta l'archiviazione

Pubblicato il - 10 gennaio 2018 - 09:43

TRENTO. L'orsa Kj2 era pericolosa e lo aveva dimostrato anche in passato. Per la Provincia l'abbattimento è stata una decisione “necessaria”. Ecco allora che l'ordine di abbattere il plantigrado, emanato nell'agosto dello scorso anno, dopo il ferimento di Angelo Metlicovec in località Predera, tra il secondo lago di Lamar con la zona di Terlago, secondo la procura di Trento non integra alcun reato.

 

Da qui la proposta di archiviazione che è arrivata ora dal pm Marco Gallina e che sarà valutata dal Gup. L'inchiesta era nata dopo la morte dell'orsa e l'apertura di un fascicolo contro ignoti a seguito del quale erano arrivati anche diversi esposti da parte delle associazioni animaliste.

 

Il nocciolo della questione è l'articolo 544 del codice penale che spiega: “Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni”. Il concetto “necessità” andrebbe, per il legislatore, interpretato in maniera ampia e spendibile quindi anche in assenza di attualità del pericolo. Non mancano poi le relazioni approfondite acquisiti dalla Procura all'interno delle quali emerge la pericolosità di Kj2 che più volte aveva dimostrato di non avere paura dell'uomo.

 

La richiesta di archiviazione presentata dal pm dovrà essere ora sottoposta al giudice dell'udienza preliminare che potrebbe accettarla oppure ordinare ulteriori indagini. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 19:56

Sono stati, purtroppo, comunicati 3 decessi tra Trento, Baselga di Pinè e Ville d'Anaunia: 17 morti in 13 giorni e 18 vittime in questa seconda ondata di Covid-19. Il bilancio complessivo è di 7.649 casi e 488 decessi in Trentino da inizio emergenza

22 ottobre - 18:32

Il presidente della Provincia di Trento è parso ancora ottimista anche se rispetto a qualche giorno fa ha ammesso che qualche preoccupazione c'è. Ma sui ''pochi'' contagi nelle scuole (che pure in pochi giorni hanno raddoppiato le classi in quarantena) la responsabilità ha spiegato che è delle attività extrascolastiche: ''Questo è un tema. Stiamo riflettendo con l'Apss''

22 ottobre - 18:07
Sono stati analizzati 1.231 tamponi, tutti letti dal laboratorio di microbiologia dell'ospedale Santa Chiara di Trento, 153 i test positivi. Il rapporto contagi/tamponi si alza a 12,4%. E' stata sospesa l'attività di verifica tamponi ai laboratori della Fondazione Mach a causa dell'infezione che è arrivata nella struttura di San Michele
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato