Contenuto sponsorizzato

Palpeggiò una studentessa, prof di ginnastica condannato

La Corte d'Appello ribalta la sentenza di primo grado e l'insegnante è stato condannato a due anni e al pagamento di 5 mila euro alla parte civile 

Pubblicato il - 05 luglio 2018 - 08:53

TRENTO.  Corte d'Appello ribalta la sentenza e condanna a due anni, con sospensione condizionale della pena, l'insegnante di educazione fisica che nel 2017 era stato assolto in primo grado dalle accuse di violenza sessuale (seppure di lieve identità) nei confronti di una studentessa.

 

Dopo questo primo grado era stato accolto l'appello del Pm e dell'avvocato a cui i genitori della ragazza avevano affidato il caso.

 

La vicenda risale al 2015 e sono diversi gli episodi raccontati dalla ragazza 14enne ai genitori. Il primo, avvenuto durante una lezione di ginnastica dove nell'insegnare alcune posizioni della pallavolo l'insegnante avrebbe toccato con entrambi le mani il sedere della ragazza. Un secondo episodio durante una lezione di teoria dove la giovane è stata chiamata per essere usata come “modella” e toccata in vari punti del corpo. Ci sono stati poi ulteriori casi che sono stati portati in tribunale.

 

In primo grado il professore fu assolto ma dopo essere stati ripercorsi tutti i passaggi e risentiti i testimoni, ieri la sentenza ha ribaltato il giudizio. Il professore di ginnastica è stato condannato a due anni, con sospensione della condizionale. Oltre a questo sono stati stabiliti 5 mila euro alla parte civile.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 12:15

Sono svariati migliaia i tamponi processati per cercare le varianti in Alto Adige e complessivamente i casi trovati sono 630 e ''finora la mutazione sudafricana è stata trovata solo nella zona di Merano, Val Passiria e Val Venosta''

27 febbraio - 08:42

L'ex presidente della Provincia giovedì ha lasciato il Patt e negli ultimi giorni ha ''regalato'' like e ''retweet'' in serie a Carlo Calenda, al suo movimento, ai rappresentanti provinciali Laura Scalfi e Mario Raffaelli. Intanto la certezza è l'ingresso di Isacco Corradi: ''Non ho mai aderito ad un partito prima d’ora pur collocandomi idealmente e per conciliabilità con i miei valori nel centro sinistra. In questo momento difficile per tutto il Paese ho riconosciuto una unica voce coerente''

26 febbraio - 17:33

Il Comitato per la salvaguardia dei passi dolomitici ha parlato a nome degli operatori e residenti che non possono usufruire del Passo Sella per spostarsi, in quanto ancora chiuso. "Nessuno si è mai preoccupato di come vanno le cose sui passi. Ma le tasse per i servizi che non vengono fatti le paghiamo regolarmente"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato