Contenuto sponsorizzato

Palpeggiò una studentessa, prof di ginnastica condannato

La Corte d'Appello ribalta la sentenza di primo grado e l'insegnante è stato condannato a due anni e al pagamento di 5 mila euro alla parte civile 

Pubblicato il - 05 July 2018 - 08:53

TRENTO.  Corte d'Appello ribalta la sentenza e condanna a due anni, con sospensione condizionale della pena, l'insegnante di educazione fisica che nel 2017 era stato assolto in primo grado dalle accuse di violenza sessuale (seppure di lieve identità) nei confronti di una studentessa.

 

Dopo questo primo grado era stato accolto l'appello del Pm e dell'avvocato a cui i genitori della ragazza avevano affidato il caso.

 

La vicenda risale al 2015 e sono diversi gli episodi raccontati dalla ragazza 14enne ai genitori. Il primo, avvenuto durante una lezione di ginnastica dove nell'insegnare alcune posizioni della pallavolo l'insegnante avrebbe toccato con entrambi le mani il sedere della ragazza. Un secondo episodio durante una lezione di teoria dove la giovane è stata chiamata per essere usata come “modella” e toccata in vari punti del corpo. Ci sono stati poi ulteriori casi che sono stati portati in tribunale.

 

In primo grado il professore fu assolto ma dopo essere stati ripercorsi tutti i passaggi e risentiti i testimoni, ieri la sentenza ha ribaltato il giudizio. Il professore di ginnastica è stato condannato a due anni, con sospensione della condizionale. Oltre a questo sono stati stabiliti 5 mila euro alla parte civile.  

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 settembre - 20:17
Restano basse le percentuali di residenti positivi nei comuni trentini fortunatamente molto lontane dalle soglie ritenute critiche. Ecco i dati dei [...]
Cronaca
18 settembre - 18:24
Ennesima manifestazione dei no-vax, no-pass, no-mask per le strade del capoluogo. I cori sono sempre gli stessi e anche gli interventi e molte [...]
Politica
18 settembre - 19:39
Nel 2017 Fugatti, riferendosi alla cannabis terapeutica, parlava del “fondamentale diritto dei pazienti di trovare all’interno del sistema [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato