Contenuto sponsorizzato

Palpeggiò una studentessa, prof di ginnastica condannato

La Corte d'Appello ribalta la sentenza di primo grado e l'insegnante è stato condannato a due anni e al pagamento di 5 mila euro alla parte civile 

Pubblicato il - 05 luglio 2018 - 08:53

TRENTO.  Corte d'Appello ribalta la sentenza e condanna a due anni, con sospensione condizionale della pena, l'insegnante di educazione fisica che nel 2017 era stato assolto in primo grado dalle accuse di violenza sessuale (seppure di lieve identità) nei confronti di una studentessa.

 

Dopo questo primo grado era stato accolto l'appello del Pm e dell'avvocato a cui i genitori della ragazza avevano affidato il caso.

 

La vicenda risale al 2015 e sono diversi gli episodi raccontati dalla ragazza 14enne ai genitori. Il primo, avvenuto durante una lezione di ginnastica dove nell'insegnare alcune posizioni della pallavolo l'insegnante avrebbe toccato con entrambi le mani il sedere della ragazza. Un secondo episodio durante una lezione di teoria dove la giovane è stata chiamata per essere usata come “modella” e toccata in vari punti del corpo. Ci sono stati poi ulteriori casi che sono stati portati in tribunale.

 

In primo grado il professore fu assolto ma dopo essere stati ripercorsi tutti i passaggi e risentiti i testimoni, ieri la sentenza ha ribaltato il giudizio. Il professore di ginnastica è stato condannato a due anni, con sospensione della condizionale. Oltre a questo sono stati stabiliti 5 mila euro alla parte civile.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato