Contenuto sponsorizzato

Prosciutti e salami con etichette false, i carabinieri sequestrano 1750 prodotti

Avevano le denominazioni protette “Prosciutto di Parma “ e “Coppa di Parma” ma erano contraffatti. Al titolare sono stati contestati illeciti amministrativi per  9 mila euro

Pubblicato il - 11 luglio 2018 - 15:54

BOLZANO. C'è anche il “prosciutto al Prosecco” tra i 1750 prodotti che i Carabinieri hanno sequestrato in provincia di Bolzano con etichette e denominazioni contraffate.

 

I militari hanno accertato la commercializzazione di “Prosciutto al Prosecco”, senza la preventiva autorizzazione del Consorzio di Tutela del Prosecco. Per questo sono state sequestrate 4.854 etichette adesive.

 

Gli altri prodotti avevano in etichetta e nella presentazione le denominazioni protette “Prosciutto di Parma “ e “Coppa di Parma”. Sequestrate anche 11.434 etichette adesive “Salami di Parma”.

Al titolare sono state contestati illeciti amministrativi per 9 mila euro.

 

L'operazione portata avanti dai Carabinieri ha coinvolto anche la provincia di Salerno, dove sono stati sequestrati 5.136 barattoli di pomodori pelati che riportavano in etichetta mendaci indicazioni riguardo l’origine, deferendo il titolare dell’azienda all’Autorità Giudiziaria.

 

Nelle provincie di Messina e Catania i militari hanno eseguito controlli riscontrando difformità e violazioni alle normative in materia di tracciabilità ed etichettatura elevando sanzioni per 10.500 euro.

 

I 2.519 chilogrammi di merce sequestrata hanno un valore complessivo pari a 9 mila  euro.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 18:14

Il dirigente dell'Azienda Sanitaria Pier Paolo Benetollo ha spiegato che ad oggi "Il numero di varianti che stiamo trovando è limitato''. Sono in totale quattro le mutazioni inglesi registrate fino ad oggi in Trentino 

26 febbraio - 18:02

Adesso si parte con la fase successiva. Il virologo del Cibio, Massimo Pizzato: "La prossima settimana prevediamo di proseguire con lo studio. Un migliaio di analisi in parallelo ai tamponi molecolari per verificare la sensibilità dei test salivari. Poi si parte a regime, questo step dovrebbe iniziare a metà marzo"

 
26 febbraio - 17:55

Confermata la permanenza del Trentino in zona arancione. Con un indice Rt dell'1.07 (ma con rischio moderato e alta probabilità di progressione), la provincia continuerà a essere interessata da misure come il divieto di lasciare il proprio Comune e la chiusura al pubblico di bar e ristoranti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato