Contenuto sponsorizzato

Psichiatria, approvata la delibera. Senza passare dal concorso il primario di Cles si prende anche Trento

Nei giorni scorsi molte le pressioni per far tornare Luca Zeni sui suoi passi, da Renzo De Stefani a Filippo Degasperi, ma anche in casa Pd i dubbi erano molti. "Mossi da motivi di efficientamento delle risorse", ma per il consigliere 5 Stelle potrebbero esserci "ragioni elettorali"

Pubblicato il - 26 maggio 2018 - 12:58

TRENTO. Alla fine l'assessore Luca Zeni ha deciso di andare avanti, nonostante le pressioni che sono arrivate da più parti (anche dallo stesso Pd) e nonostante la sospensione della settimana scorsa: la delibera sulla riorganizzazione delle Unità operative di Psichiatria è stata votata dalla Giunta provinciale e ora, senza passare dal concorso, il primario di Cles andrebbe a ricoprire anche la struttura del capoluogo.

 

"Va in un'ottica di efficientamento delle risorse, di migliore programmazione del rapporto territorio/ospedale e di valorizzazione delle professionalità aziendali la ridefinizione degli ambiti territoriali riferiti all'Unità Operativa di Psichiatria", scrive il comunicato stampa della Provincia.

 

"La nuova configurazione - continua la nota - prevede tre Strutture complesse, anziché quattro. In questo modo ad ogni ambito territoriale corrisponde un reparto ospedaliero (Trento, Borgo ed Arco). I tre ambiti, che in questo modo hanno dimensioni omogenee, sono i seguenti:Val d'Adige, Valle dei Laghi, Paganella, Rotaliana, Valle di Cembra, Val di Non, Val di Sole; Vallagarina, Alto Garda e Ledro, Giudicarie, Altipiani Cimbri; Bassa Valsugana, Alta Valsugana, Val di Fiemme, Comun Generale de Fascia, Primiero".

 

Nei giorni scorsi l'ex primario Renzo De Stefani aveva parlato di "riorganizzazione ad personam" per favorire - di fatto - la posizione di un primario in particolare. Con le stesse tesi anche il consigliere Filippo Degasperi aveva presentato un'interrogazione nella quale ipotizzava "ragioni elettorali" dietro la decisione dell'accorpamento. 

 

Anche all'interno dello stesso Partito democratico erano emersi seri dubbi sull'opportunità di approvare la delibera in questione. Molte le pressioni su Zeni per un passo indietro, molti i dubbi sulle motivazioni di fondo che hanno spinto l'Azienda sanitaria ad annullare un concorso a cui si erano iscritti alcuni tra i migliori esponenti della psichiatria italiana.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato