Contenuto sponsorizzato

Roma manda a Trento 30 profughi. Poi il contrordine: ''Devono andare a Torino''

Forse per errore, i richiedenti asilo inviati ieri sono stati dirottati, dopo essere stati accolti nei centri di accoglienza della Provincia, verso il capoluogo piemontese

Pubblicato il - 27 luglio 2018 - 18:54

TRENTO Avevamo scritto poche ore fa della decisione di Roma di inviare a Trento 30 richiedenti asilo appena sbarcati in Calabria. Ora il contrordine: "I profughi andranno a Torino". Lo comunica direttamente il governatore Ugo Rossi che annuncia il cambio di destinazione.

 

"Ieri ho informato che il Ministero degli Interni avrebbe inviato in Trentino 30 persone richiedenti asilo, sottolineando che avremmo fatto come sempre il nostro dovere. Oggi in effetti queste persone sono arrivate e sono state accolte presso il Centro di prima accoglienza di Trento".

 

"Un’ora fa il Ministero degli Interni ci ha comunicato che queste persone sarebbero state trasferite a Torino - spiega Rossi, che poi aggiunge: - Collaboriamo come sempre". Dopo una sosta, la ripartenza, per un'altra destinazione. Forse a Roma si sono sbagliati, scambiando una città per l'altra.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 17:33

I danni da masse nevose a causa della nebbia non sono ancora del tutto visibili, ma si teme che si siano verificati grossi danni. I geologi provinciale hanno riferito di frane in val Pusteria, val Badia, valle Isarco e Bassa Atesina

18 novembre - 16:31

Il personale di Veneto strada sta monitorando il territorio colpito da diversi smottamenti. Anche la frana di Schiucaz è seguito in tempo costante dopo gli smottamenti avvenuti nelle ultime ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato