Contenuto sponsorizzato

Sassi contro il palazzo di Giustizia. Infranti i vetri delle finestre

La condanna di Rossi: "Episodi del genere sono inaccettabili". Il vandalismo poche ore prima dell'insediamento del nuovo capo della Procura Sandro Raimondi

Pubblicato il - 14 marzo 2018 - 14:36

TRENTO. E' successo nella notte, poche ore prima che all'interno del Tribunale si insediasse il nuovo capo della Procura della Repubblica Sandro Raimondi. Ignoti hanno lanciato dei sassi contro le finestre dell'edificio di largo Pigarelli, sulla facciata a nord che si affaccia su via Pilati.

 

I vetri sono andati in frantumi, quelli delle finestre a fianco del passaggio carrabile che porta all'interno del palazzo di Giustizia. "Episodi del genere sono inaccettabili - ha subito commentato il governatore Ugo Rossi - e vanno sempre condannati con fermezza".

 

"Lo sono a maggior ragione in questo caso, perché la giustizia è al servizio di tutti i cittadini", conclude il presidente, che comunica di aver sentito in mattinata il procuratore generale Giovanni Ilarda, manifestando la solidarietà delle istituzioni provinciali in seguito all'episodio di vandalismo della scorsa notte. 

 

Interviene sui fatti anche il presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti: Ancora una volta la stupidità di atti vandalici gratuiti colpisce i luoghi delle Istituzioni, attraverso i danneggiamenti al Palazzo di Giustizia di Trento, che testimoniano, al di là del danno materiale, la continua sostituzione della violenza al dialogo".

 

"Nell’esprimere sentimenti di solidarietà a tutti i magistrati e agli operatori della Giustizia che lavorano negli immobili - conclude il presidente -  il Consiglio provinciale ribadisce il suo totale rifiuto di ogni forma di sopraffazione e di offesa".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 aprile - 06:01

Sono almeno 120mila le escort rimaste senza lavoro, il 12% ha già fatto ricorso a qualche tipo di ammortizzatore sociale. In Trentino la maggior parte delle sex worker sono di origine straniera, ma non mancano le italiane, l’unità di strada Aquilone Lilla: “Stiamo cercando di mantenere i contatti con le ragazze e oltre al sostegno emotivo prepariamo dei pacchi alimentari per le donne più in difficoltà”

07 aprile - 08:20

Domenica sera, su indicazione del proprio staff medico, era stato ricoverato in ospedale per dei controlli visti i persistenti sintomi dovuti al covid-19. Ieri pomeriggio, però, le sue condizioni sono peggiorate 

06 aprile - 20:59

Conte ha annunciato anche il ricorso al “Golden Power”, strumento per evitare scalate ostili nei settori più importanti del paese: “Nessuno controllerà i nostri asset strategici”. Stanziati 200 miliardi che serviranno per il finanziamento del mercato interno, mentre altri 200 saranno usati per potenziare il mercato dell’export

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato