Contenuto sponsorizzato

Si arrampica sul semaforo perché si sente perseguitato dalla polizia che poi lo convince a scendere

E' successo ieri sera a Bolzano. L'uomo, originario del Marocco, ha bloccato il traffico di Piazza Verdi per svariati minuti

Pubblicato il - 15 agosto 2018 - 15:24

BOLZANO. Si sentiva perseguitato dalla polizia e allora ha deciso di arrampicarsi su un semaforo per poi scendere a patti...con la polizia. Ieri sera Piazza Verdi, a Bolzano, è rimasta bloccata per svariati minuti. Protagonista della protesta un ragazzo di origini marocchine già noto alle forze dell'ordine che all'improvviso ha attraversato la strada che corre davanti al Teatro Stabile di Bolzano e ha scalato un semaforo e un cartello stradale.

 

L'uomo era già noto alle forze dell'ordine per precedenti legati alla droga che gli era stata sequestrata in precedenti operazioni di polizia e proprio dalla polizia ha detto di sentirsi perseguitato. Questa la ragione della protesta. In mezzo al traffico, quindi, ha compiuto il gesto, tra lo stupore generale di passanti e automobilisti rimasti ad osservarlo mentre di appollaiava sopra il semaforo.

 

Sul posto si sono portati proprio gli agenti della polizia che hanno dovuto mettere in sicurezza la viabilità, il rischio era che l'uomo cadesse magari mentre passava un'automobile, e aiutare il giovane a venire giù. Dopo un lungo conciliabolo alla fine i poliziotti lo hanno convinto a scendere e tutto è tornato alla normalità

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 16:33

Il punto vendita sarà aperto in piazza Venezia 12 la prossima settimana. All'interno si potranno trovare formaggi, ortaggi ma anche un punto lettura e tanto altro

02 giugno - 12:50

Nel giorno della festa della Repubblica non poteva mancare la consueta polemica etnica alimentata dall'associazione focloristica sudtirolese, che per l'occasione ha tappezzato i cartelli ai margini della provincia di adesivi dal doppio polemico significato, contro l'ingiustizia storica subita nel 1918 e contro la gestione di Roma dell'emergenza Coronavirus. La reazione della destra italiana non è tardata ad arrivare

02 giugno - 08:53

Situazione drammatica per le tante imprese che si occupano di trasportare persone e che sono state colpite dal crisi provocata dall'emergenza sanitaria. Tra le richieste quelle di trovare soluzione per contenere le principali voci di costo e al tempo stesso lavorare su interventi in grado di stimolare una nuova domanda di trasporti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato