Contenuto sponsorizzato

''Soldi a chi diffonde pratiche raccapriccianti''. Esposto contro Trento e Bolzano per aver patrocinato il Dolomiti Pride

L'iniziativa è partita dal presidente dell'associazione Difesa dei valori e subito raccolta dai deputati della Lega Simone Pillon (nella Foto) e di Fratelli d'Italia Giovanni Donzelli. Coinvolti altri Comuni e Regioni che hanno dato il patrocinio alle manifestazioni gay

Pubblicato il - 11 luglio 2018 - 12:01

TRENTO. Anche l'amministrazione comunale di Trento è citata nell'esposto presentato alla Corte dei Conti da Filippo Fiani dell'Associaizone Difesa dei valori. Il motivo? Aver finanziato il Dolomiti Pride. Una decisione che per l'esponente del gruppo cattolico si configura come 'spreco di denaro pubblico'". 

 

Con Trento tanti altri Enti locali, tutti colpevoli di aver dato il patrocinio, anche economico, alle iniziative che si sono svolte in numerose città italiane. L'esposto è stato infatti depositato in dodici procure territoriali ed è stato presentato ieri in conferenza stampa alla Camera. Con Fiani c'erano anche il deputato di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli e il senatore della Lega Simone Pillon.

 

“Decine di Municipi a guida Pd, centrosinistra e Movimento 5 Stelle patrocinano e sostengono manifestazioni che promuovono la poligamia e la pratica barbara dell’utero in affitto. È surreale - spiega Finai al Sardinia Post, che si è interessato alla questione dato che anche Cagliari figura nelle città 'denunciate'.

 

"E' indecoroso associare il nome di istituzioni a pratiche raccapriccianti vietate dalla Costituzione italiana. Sosteniamo l’iniziativa dei promotori perché crediamo che non sia pensabile sprecare risorse per iniziative contro la legge”, hanno spiegato i deputati di Lega e FdI.

 

L’esposto, i cui dettagli sono stati resi noti dall’avvocato Francesco Vannicelli, contesta il danno erariale alle Regioni Lazio, Campania, Piemonte, Toscana e Umbria; ai Comuni di Roma, Firenze, Napoli, Catania, Torino, Milano, Trento, Bolzano Cagliari.

 

“Non possiamo accettare – conclude il deputato di Fdi – che una parte politica utilizzi le risorse pubbliche per diffondere pratiche raccapriccianti e diseducative. Chiediamo che la magistratura contabile intervenga per recuperare le risorse dai responsabili di scelte assurde”.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato