Contenuto sponsorizzato

Stop ai quad in montagna, la Sat contro il raduno del fine settimana: ''Basta spot dalle amministrazioni''

Per la Sat "Il concetto di limite non deve essere più soltanto uno slogan da usare negli incontri e sui tavoli di lavoro". Nel fine settimana il raduno toccherà percorsi forestali nella zona di Falcade ed in altri comuni delle valli di Fiemme e Fassa

Pubblicato il - 08 giugno 2018 - 17:11

TRENTO. Serve un “concetto di limite” consapevoli che siamo davanti ad un “ambiente fragile e sempre più sottomesso al concetto di intrattenimento fine a stesso”. Torna a farsi sentire anche la Sat in merito ai quad in montagna. Lo fa ribadendo la propria contrarietà soprattutto in vista dell'iniziativa "Quad in quota" sulle Dolomiti che si terrà nel fine settimana. Lo scorso anno in merito al raduno la Sat aveva definito la manifestazione “una vera e propria aggressione alla montagna”.

 

Sul fronte delle tre province interessate alla manifestazione motoristica si fece anche di più: venne redatto un documento sottoscritto dalle associazioni alpinistiche dell’area dolomitica Patrimonio Unesco, composta da Sat e dai Gruppi Cai regionali del Veneto, Friuli Venezia Giulia,  provinciale Alto Adige ed Alpenverein Sudtirol, nel quale veniva rivolto un accorato appello alle amministrazioni pubbliche per una netta inversione  di marcia relativamente al rilascio di autorizzazioni per raduni motoristici in zone delicate dal punto di vista naturalistico e paesaggistico.

 

Appelli che sembrano però caduti nel vuoto visto che il raduno dei quad toccherà anche quest'anno diversi percorsi forestali nella zona di Falcade ed in altri comuni delle valli di Fiemme e Fassa.

Qualcosa, però, sembra muoversi con la creazione di un tavolo di lavoro che vede la Fondazione Dolomiti Unesco, assieme a Sat, Cai Veneto, Cai Friuli Venezia Giulia, Alpenverein, Montain Wilderness e Cipra Italia. Un primo risultato del tavolo è stato la mappatura della normativa vigente nei territori che condividono il bene, affronta diversi temi (Voli turistici in elicottero, gare motoristiche in quota, mobilità in zone delicate, le biciclette in montagna).

 

A proposito di gare e raduni motoristici la proposta degli ambientalisti è di invitare i Comuni ad “impedire raduni (quad, motociclette, jeep, motoslitte) in territorio Dolomiti Unesco, in aree Core e Buffer, zps, sic, Rete Natura 2000 anche esterne o comunque prossime al Patrimonio.

“L’auspicio – spiega la Sat - è che da parte della pubblica amministrazione si arrivi finalmente all’assunto che il concetto di limite non deve essere più soltanto uno slogan da usare negli incontri e sui tavoli di lavoro, ma in prima istanza consapevolezza nei confronti di un ambiente fragile e sempre più sottomesso al concetto di intrattenimento fine a stesso”.

 

In seconda battuta si auspica “coerenza nell’azione legislativa e soprattutto culturale nei confronti di territori che vivono di turismo, ma che spesso dimenticano il loro obbiettivo primario: promuovere un ambiente alpino autentico, che nulla ha a che vedere con altre tipologie di offerta turistica quali i parchi divertimento”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 febbraio - 15:55

Il rapporto è doppio rispetto al livello medio nazionale e anche oggi si registrano 329 nuovi casi di cui 80 tra giovani in età scolare. In un giorno messe in quarantena ben 18 classi (venerdì erano 35 ieri 53)

28 febbraio - 14:01

Il caratteristico Bivacco di colore rosso, scalette metalliche, cavi d’acciaio e l’inevitabile ponte tibetano sono solo alcuni dei tanti dettagli del progetto "Via Ferrata al Monte Morben 3099mt". La proposta di due designer di Pordenone per far diventare le Dolomiti un set officiale dei famosi mattoncini colorati

28 febbraio - 13:45

A 3 anni di distanza dall'ultimo servizio, Le Iene sono tornate a Rovereto per raccontare la "Bitcoin valley". Il direttore finanziario di Inbitcoin Nicola Vaccari: "Non è il prezzo la cosa più interessante dei bitcoin, ma la libertà di utilizzare i propri soldi in tutto il mondo. E' il più grande esperimento economico e sociale della storia dell'umanità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato