Contenuto sponsorizzato

Tecnici e elicottero in azione, una gru di Bolzano installata su uno dei grattacieli più alti di Milano

L'operazione è stata portata a termine dalla azienda altoatesina Niederstätter in circa due ore e mezza. La gru, che servirà per posizione un'enorme insegna luminosa, è stata installata sulla torre 'Hadid'

Pubblicato il - 11 aprile 2018 - 15:26

MILANO. Un'impresa. La ditta bolzanina Niederstätter, azienda famigliare impegnata da oltre 40 anni nel settore edilizio, è riuscita a installare sulla torre 'Hadid', alta 170 metri e soprannominata dai cittadini milanesi 'lo Storto',  una gru che nei prossimi due mesi servirà per posizionare un'enorme insegna luminosa.

 

Le operazione sono iniziate alle prime luci del sole di martedì 10 aprile: i tecnici dell'azienda altoatesina sono entrati in azione alle 6.48, quando l'elicottero della Heliswiss International ha eseguito la prima tornata di una lunga serie per trasportare il primo elemento della gru a torre modello Liebherr 85 EC-B.

Montare una gru a torre con un elicottero è sempre difficile in quanto non è in grado di lavorare con la stessa precisione di un’autogru, ma la sfida più grande era l'ancoraggio sul tetto dell'edificio. Un'operazione portata a termine in circa due ore e mezza.

 

Dopo un breve briefing del personale si è così cominciato con i lavori di installazione dell’insegna luminosa. E qui entra in gioco la ditta C.M.B., cooperativa muratori e braccianti di Carpi, che utilizzerà un totale di circa 200 tonnellate di acciaio per le scritte luminose.

 

La torre 'Hadid' è stata progettata dall’architetto di fama mondiale Zaha Hadid. Il grattacielo è di proprietà del gruppo Generali è tra i più alti e conosciuti di Milano.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 20:28

Sono 297 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi, mentre sono 38 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

 
 
20 gennaio - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 gennaio - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato