Contenuto sponsorizzato

Un trattore per l'Africa, l'idea dell'imprenditore di Arco Andrea Bidese per aiutare lo sviluppo agricolo del Benin

Il progetto è stato presentato al presidente Bruno Dorigatti. "L'idea è quella di inviare due trattori all'anno nel Paese africano e di far decollare in loco un'attività agricola capace di produrre reddito, autonomia e benessere"

Pubblicato il - 10 luglio 2018 - 15:53

TRENTO. Il presidente del Consiglio provinciale ha elogiato convintamente questo sforzo: "Così si va davvero nella direzione giusta - ha affermato Bruno Dorigatti - perché il problema dei migranti si risolve non elevando muri e respingendo le persone ma per l'appunto creando nei Paesi poveri occasioni vere di lavoro e di sviluppo economico".

 

Quelli che li 'aiutano a casa loro' esistono, e se questa massima fosse messa nell'agenda della politica si risolverebbero tante cose. A volte basta poco: un trattore per coltivare ortaggi, frutta e cotone che sarà inviato in Benin. E' il semplice, concreto, importante contributo che un'azienda di Arco.

 

Il mezzo agricolo partirà già il prossimo venerdì alla volta dell'Africa, dove a riceverlo e valorizzarlo ci sarà una Onlus – Famiglie Rurali – attiva nella regione di Atakorà con progetti mirati allo sviluppo agricolo locale e anche all'integrazione di migranti economici attualmente residenti in Italia.

 

Il donatore del mezzo – un Same 100 cv – è il fabric-store Vivaio Tessile di Andrea Bidese, che stamane è stato a palazzo Trentini in visita al presidente del Consiglio provinciale, Bruno Dorigatti, con lui anche Filippo Degasperi, membro dell'Ufficio di Presidenza dell'assemblea legislativa.

 

Con Andrea Bidese c'era anche un giovane migrante nigeriano, Stephen David, che ha cominciato a lavorare con l'azienda arcense e a collaborare con il progetto "Un trattore per l'Africa". Bidese sta sviluppando da un lato il proprio ambizioso piano aziendale, mirato alla commercializzazione su ampia scala di prodotti tessili organici e sostenibili, dall'altro questo obiettivo di concorso all'auto-sviluppo della terra africana.

 

L'idea è quella di inviare due trattori all'anno in Benin – allargando anche la rete dei supporter qui in Italia - e di far decollare in loco un'attività agricola capace di produrre reddito, autonomia e benessere.  

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
24 settembre - 16:16
Salgono a 22 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale dove ieri ci sono stati 2 nuovi ingressi e 1 dimissione: in rianimazione rimangono [...]
Cronaca
24 settembre - 17:13
Il lancio col parapendio di un francese classe 1991 è finito con uno schianto sulla parete sud della Marmolada, dove l'uomo è rimasto bloccato in [...]
Politica
23 settembre - 23:25
A Ville d'Anaunia è già presente un campo di tamburello, ultimato nel 2018. C'è l'ipotesi di costruire un'altra struttura nell'area del Parco [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato