Contenuto sponsorizzato

Val di Fiemme, bilancio drammatico: crolla un ponte e si danneggia quello nuovo. Migliaia di alberi abbattuti e acquedotto danneggiato

Le ore più dure sono alle spalle dopo pioggia, vento e black out. Parecchie campate di conduttori sono state danneggiate in particolare dalla caduta delle piante (GUARDA LE IMMAGINI), alcune trascinate dalle raffiche sui cavi dell'alta tensione. Ristabilita la corrente elettrica. Resta l'ordinanza di bollire l'acqua a fini potabili

Di Luca Andreazza - 30 ottobre 2018 - 17:25

CAVALESE. "L'emergenza è superata e tutte le situazioni particolari sono state messe in sicurezza. Tutto è sotto controllo", spiega Silvano Welponer, sindaco di Cavalese

 

Le ore più dure sono alle spalle dopo pioggia, vento e black out. Parecchie campate di conduttori sono state danneggiate in particolare dalla caduta delle piante, alcune trascinate dalle raffiche sui cavi dell'alta tensione. Sono necessari alcuni giorni di lavoro per risanare la situazione in via definitiva, ma i tecnici sono riusciti a ripristinare l'elettricità. 

 

Tantissimi, migliaia, gli alberi caduti che nella serata di ieri avevano praticamente isolato la Valle di Fiemme. "La viabilità - aggiunge il primo cittadino - ora è ok, si riesce a circolare, anche se resta molto lavoro per la completa rimozione dei detriti".

A causa della veemenza climatica è crollato l'argine del ponte sull'Avisio e il cedimento del ponte della Cascata. La caduta del ponte alla Cascata determina l'interruzione delle forniture alla Bioenergia Fiemme, l'interruzione è prevista anche nei prossimi giorni.

 

Maltempo, crolla il ponte della Cascata e cede l'argine di quello a Stramentizzo

L’altra situazione problematica riguarda il cedimento dell’argine del ponte di Strametizzo, opera inaugurata appena nel 2016 per 4 milioni di euro. Al momento viene garantita circa un quinto della fornitura abituale. E' stata decisa la chiusura delle attività energivore (artigianale e industriale).

 

Si lavora ora alla realizzazione di un by-pass sul ponte, che si prevede di ultimare nell'arco di una settimana. Questo consente di riattivare l'erogazione di gas per tutto l'inverno, in attesa di effettuare interventi più risolutori nella prossima primavera. 

 

"I tecnici - prosegue il sindaco - sono all'opera per ristabilire la piena funzionalità quanto prima, ma l'acqua inizia a scarseggiare e quindi dobbiamo prevedere una razionalizzazione fino a quando non si può tornare a regime". Ancora in vigore l'ordinanza che impone la bollitura dell'acqua a fini potabili.

 

Resta anche da quantificare l'ammontare dei danni, "che sono ingenti - conclude Welponer - ma distribuiti a macchia di leopardo in tutta la valle. Nei prossimi giorni riusciremo a definire il valore dei danneggiamenti".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 marzo - 05:01

I dati si stanno invertendo anche sul quadro delle ospedalizzazioni. Grande differenza pure sulla gestione delle varianti. In provincia di Bolzano sono stati trovati 630 casi (31 di mutazione sudafricana e 220 di inglese) mentre in Trentino sono 4 i casi di inglese finora identificati 

28 febbraio - 19:20

La situazione si complica in Val di Cembra dove i contagi continuano a salire, soprattutto a Palù dove il 14 è coinciso con la ricorrenza del patrono. Si contano 79 nuovi casi a Trento e poi seguono Pergine, Arco, Lavis, Rovereto e Levico Terme 

28 febbraio - 20:11

Nel Comune di Giovo il rapporto contagi/residenti ha raggiunto il 3,3%, il sindaco non esclude l’entrata in vigore di misure più restrittive: Ci sono intere famiglie coinvolte, dove sia i genitori che i figli sono risultati positivi, forse ci sono un po’ meno anziani rispetto alle altre fasce d’età”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato