Contenuto sponsorizzato

Vigili del fuoco, via libera all'Accordo negoziale: nello stipendio anche la voce ''assegno di specificità''

La nuova voce riguarda la peculiarità dei compiti e degli obblighi previsti attribuiti da leggi e regolamenti, agli specifici  requisiti di efficienza operativi richiesti e ai correlati impieghi in attività particolarmente complesse

Pubblicato il - 03 agosto 2018 - 12:14

TRENTO. Via libera all'accordo negoziale per il triennio economico 2016-18 relativo al personale del Corpo permanente dei Vigili del fuoco.  L’Accordo, che si perfezionerà con il recepimento del suo contenuto da parte della Giunta provinciale e la firma del presidente della Provincia, è stato sottoscritto l'1 agosto scorso, dalle organizzazioni sindacali e dalla delegazione di parte pubblica.

 

L’Accordo negoziale prevede, in analogia a quanto contenuto nell'accordo per il personale del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, l’adeguamento, a decorrere dal 1° gennaio 2016, e con riferimento anche a decorrenze successive, dello stipendio e dell’indennità di rischi.

 

Ci sarà poi l'introduzione di un nuovo istituto, l’”assegno di specificità”. Questa nuova voce stipendiale è corrisposta in ragione del ruolo, del grado di responsabilità e dell’anzianità di servizio maturata.

 

Si riconosce la specificità del personale del Corpo permanente  dei Vigili del fuoco, in relazione  alla peculiarità dei compiti e degli obblighi previsti attribuitigli da leggi e regolamenti, agli specifici  requisiti di efficienza operativi richiesti e ai correlati impieghi in attività particolarmente complesse.

 

L’accordo negoziale prevede, infine, l’erogazione di incrementi una tantum delle indennità connesse alle attività operative per gli anni 2014 e 2015.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:31

In Italia ci sono 11 Regioni classificate a rischio elevato, mentre Calabria, Lombardia, Piemonte e la provincia di Bolzano sono già entrate nello “scenario 4”, il peggiore. L’esperto del Ministero: “La percentuale dei positivi sui tamponi effettuati supera il 10% e non è un buon indicatore”

31 ottobre - 08:48

E' successo in centro a Rovereto, sul posto si sono portati immediatamente i vigili del fuoco che hanno spento l'incendio ma il mezzo è andato completamente distrutto. Sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine per capire la cause delle fiamme 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato