Contenuto sponsorizzato

Al via il cambio delle gomme invernali. Rischio multe fino a 1700 euro

A partire da oggi e fino al 15 maggio c'è il periodo di tolleranza previsto dalla legge. Poi si rischia anche il ritiro della carta di circolazione e la mandata in revisione del veicolo

Pubblicato il - 15 aprile 2019 - 09:55

TRENTO. A partire da oggi gli automobilisti hanno un mese di tempo per poter cambiare il set di pneumatici invernali.

 

Il 15 maggio, infatti, scade il periodo di tolleranza previsto dalla legge. L’obbligo deve essere rispettato, altrimenti si incorre in sanzioni.

 

Quelle previste non sono solo di tipo pecuniario (da 419 euro a 1682 euro raddoppiate se non corrisposte entro 60 giorni), ma anche accessorie con il ritiro della carta di circolazione e la mandata in revisione del veicolo previo ripristino delle caratteristiche costruttive di idoneità.

 

L'obbligo, ovviamente, non vale per chi monta un set di gomme quattro stagioni e non vale se hanno un indice di velocità uguale o superiore a quello indicato dalla carta di circolarazione. In questi casi si possono usare tutto l'anno.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:10

A lanciarlo il segretario del Partito Autonomista: "Assieme possiamo fare anche massa critica per portare avanti un certo tipo di istanze".  L'appello è rivolto alle forze di centro e autonomiste. Il segretario: "Assistiamo ad un crescendo di malessere tra i moderati nei confronti dei partiti nazionali''

23 settembre - 19:38

La città gardesana è stata scelta perché da anni ospita una comunità molto attiva di raeliani che promettono: “Entro il 2035 gli Elohim giungeranno sulla terra ma solo dopo che la loro ambasciata sarà costruita”

23 settembre - 19:09

Il 19 settembre 2019 il Parlamento approva una mozione che mette sullo stesso piano in nome della memoria condivisa il nazionalsocialismo e il comunismo. Ma la misura, volta a compiacere i governi dell'Est Europa, non comprende la complessità della Storia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato