Contenuto sponsorizzato

Al via il cambio delle gomme invernali. Rischio multe fino a 1700 euro

A partire da oggi e fino al 15 maggio c'è il periodo di tolleranza previsto dalla legge. Poi si rischia anche il ritiro della carta di circolazione e la mandata in revisione del veicolo

Pubblicato il - 15 aprile 2019 - 09:55

TRENTO. A partire da oggi gli automobilisti hanno un mese di tempo per poter cambiare il set di pneumatici invernali.

 

Il 15 maggio, infatti, scade il periodo di tolleranza previsto dalla legge. L’obbligo deve essere rispettato, altrimenti si incorre in sanzioni.

 

Quelle previste non sono solo di tipo pecuniario (da 419 euro a 1682 euro raddoppiate se non corrisposte entro 60 giorni), ma anche accessorie con il ritiro della carta di circolazione e la mandata in revisione del veicolo previo ripristino delle caratteristiche costruttive di idoneità.

 

L'obbligo, ovviamente, non vale per chi monta un set di gomme quattro stagioni e non vale se hanno un indice di velocità uguale o superiore a quello indicato dalla carta di circolarazione. In questi casi si possono usare tutto l'anno.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 19:42

Se le opposizioni politiche sono subito intervenute per manifestare un grande sconcerto per il taglio da 5 milioni di euro, le associazioni sono uscite frastornate nel leggere il provvedimento. "Non vogliamo fare polemica - dice Anzi - ma la richiesta è quella di confrontarsi con l'assessore e il servizio perché la delibera lascia ancora molti aspetti da chiarire

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato