Contenuto sponsorizzato

Il cinema di Predazzo chiude per scadenza del contratto. Ormai in valle è rimasto solo Tesero

Negli ultimi sei anni su tre sale ne è rimasta aperta solo una. Dopo l'incendio che devastò il cinema di Cavalese, tuttora al centro di progetti di ricostruzione mai avviati, in questi giorni la proprietà di quello di Predazzo ha comunicato la chiusura per avvenuta scadenza di contratto. Si chiude così una storia durata trent'anni

Di Davide Leveghi - 24 dicembre 2019 - 17:37

PREDAZZO. Per gli appassionati fiemmesi di cinema questo Natale avrò un gusto un po' più amaro. In questi giorni, infatti, Zanna Bros Multimedia, proprietaria della sala cinema di Predazzo, ha annunciato la chiusura dopo oltre trent'anni d'onorato servizio.

 

Giunti alla scadenza del contratto, i proprietari hanno dovuto lasciare la guida della sala predazzana, lasciando il centro dell'alta Val di Fiemme orfano di un'istituzione amata ed entrata nel cuore degli appassionati di cinema che qui vivono o trascorrono parte delle proprie vacanze.

 

“Ringraziamo quanti, tanti!!!, ci hanno supportato – si legge nel comunicato d'addio – con la passione per la settima arte in questi trent'anni. Trent'anni nei quali abbiamo condiviso l'amore per il cinema, consapevoli che è un valore positivo per la nostra vita di tutti i giorni. Il cinema fa bene! Allarga le proprie conoscenze, produce socialità e condivisione”.

 


 

Una frase, quest'ultima, che appare a maggior ragione una amara beffa nei confronti di tutti coloro che quel cinema lo hanno vissuto e animato. D'altronde, la Val di Fiemme non rappresenta certo uno dei territori più fortunati riguardo alla presenza stessa delle sale cinematografiche.

 

L'incendio che devastò il cinema di Cavalese ha ormai compiuto 6 anni, ma la ricostruzione latita. Solo Tesero, pertanto, regala ancora a chi ne voglia la gioia di sedersi sulle comode poltrone e di godersi il piacere di una buona pellicola.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato