Contenuto sponsorizzato

Il Nevegal bloccato da neve e schianti degli alberi. Il sindaco di Belluno: ''Persone isolate e senza elettricità. Macchina dei soccorsi in azione''

La fitta nevicata delle ultime ore è andata ad appesantire alberi già provati dalla tempesta Vaia e moltissime strade nella zona sono irraggiungibili. Massaro: ''Non fate gli eroi, aspettate quelli veri. Non sostate sotto gli alberi e vicino alle linee elettriche''

Pubblicato il - 29 April 2019 - 12:02

BELLUNO. Continuano i disagi soprattutto nella parte bellunese delle Dolomiti. L'area del Nevegal è praticamente isolata. Il sindaco di Belluno Jacopo Massaro comunica che ''la copiosa neve ha provocato la caduta di numerosi alberi sulle strade e sulle linee elettriche'' e descrive la situazione in questi termini: ''La gran parte delle strade è interrotta sia per la presenza di piante in strada, sia per la copiosa neve; ci sono numerose persone isolate e senza corrente elettrica; stiamo intervenendo con squadra operai comunali, squadre volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Veneto Strade, Tecnici Enel Distribuzione, Ditte incaricate dal Comune''.

 

Nel dettaglio Enel distribuzione sta operando per ripristinare la corrente, ma la situazione è critica a causa della difficoltà a raggiungere i luoghi delle cesure dei cavi elettrici; gli spazzaneve (incaricati dal comune e quelli di Veneto strade) sono in funzione ma non si conoscono ancora le tempistiche per il ripristino della viabilità e della corrente elettrica. ''Stiamo intervenendo in particolare per raggiungere questi obiettivi - prosegue il primo cittadino -: Alpe in Fiore, Piazzale Nevegal, Villaggio Le Stue, Condominio Faverghera, il camping. Dopo l'esperienza della tempesta Vaia, grazie a Enel ci siamo attrezzati con 10 gruppi elettrogeni che sono a disposizione proprio sul Colle del Nevegal. Siamo pronti ad utilizzarli una volta stabilità la priorità degli interventi''.

 

Il sindaco, comunque, è molto chiaro nello sconsigliare a tutti di mettersi in viaggio da e per il Nevegal e ricorda a tutti di non fare gli eroi e di ''aspettare gli eroi veri, quelli addestrati, come vigili del fuoco e protezione civile''. Inoltre ''non sostiamo sotto o in prossimità degli alberi: ne abbiamo rimossi a centinaia di pericolanti (e saranno ripiantati con un po' più di attenzione), ma continuano a caderne altri e non sostiamo sotto o vicino alle linee elettriche''.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 giugno - 10:32
Non hanno sortito effetto gli accordi presi tra giovani, residenti, esercenti e amministrazione. Secondo quanto riportano i cittadini i [...]
Cronaca
15 giugno - 12:06
Il partito di Giorgia Meloni si appresta a sorpassare la Lega nei sondaggi nazionali, ora anche il sindaco di Verona Federico Sboarina ha aderito a [...]
Cronaca
14 giugno - 19:15
“Serve responsabilità e più educazione” ha spiegato il sindaco di Trento Franco Ianeselli annunciando che l'amministrazione ha deciso di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato