Contenuto sponsorizzato

Individuata la responsabile di un furto grazie alle notizie date dai testimoni. In manette una 26enne

E' avvenuto a Mezzolombardo, dove i carabinieri della stazione locale hanno tratto in arresto la donna, responsabile di un furto in un'abitazione. Sul soggetto pendeva già un provvedimento restrittivo emesso lo scorso ottobre dalla Procura della Repubblica per i minorenni di Bologna. Dovrà scontare 14 mesi e 2 giorni di reclusione

Pubblicato il - 06 novembre 2019 - 09:54

MEZZOLOMBARDO. Nell'ambito dei controlli del territorio per la prevenzione dei reati contro il patrimonio, i carabinieri della compagnia di Mezzolombardo hanno eseguito una serie di verifiche presso le strutture ricettive della zona di competenza, individuando una donna responsabile di un furto in abitazione e sulla quale pendeva già un provvedimento giudiziario restrittivo della Procura della Repubblica per i minorenni di Bologna.

 

La misura nei confronti della ragazza, una 26enne di cittadinanza croata, è stata emessa lo scorso ottobre. Tratta in arresto, dovrà espiare una pena di 14 mesi e 2 giorni di reclusione per furto. È stata per questo accompagnata alla casa circondariale di Spini di Gardolo, dove rimane a disposizione dell'Autorità giudiziaria.

 

I controlli delle compagnie di carabinieri della provincia di Trento, per il contrasto di fenomeni predatori e furti, proseguono con successo, grazie anche alla fondamentale partecipazione dei cittadini, in quanto vittime o testimoni di fatti illegali. La loro comunicazione istantanea alle forze dell'ordine può infatti risultare decisiva per la risoluzione delle investigazioni o delle attività preventive, consentendo l'assicurazione alla giustizia dei responsabili e la restituzione, talvolta, del maltolto alle vittime.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

22 novembre - 08:22

Si tratta di Luca Bettega. Sul posto si sono portati i carabinieri e il medico legale. E' stata disposta l'autopsia per accertare le causa della morte 

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato