Contenuto sponsorizzato

Matteo Salvini saluta Enzo Erminio Boso: ''Hai scelto di proseguire la tua battaglia da lassù. Faremo sempre più belli il Trentino e l’Italia, contaci''

Da Zaia a Calderoli, la Lega si stringe intorno alla famiglia per l'improvvisa scomparsa di Boso. L'ultimo saluto è fissato per sabato 12 gennaio alle 15 nella chiesa parrocchiale di Pieve Tesino. Fugatti: "Lascia un vuoto enorme"

Di L.A. - 11 gennaio 2019 - 17:14

TRENTO. "Un amico e un protagonista assoluto della vita politica e istituzionale trentina degli ultimi decenni, la sua scomparsa lascia un vuoto enorme", queste le parole di Maurizio Fugatti per ricordare Enzo Erminio Boso, colpito da un malore nella notte a 73 anni (Qui articolo), che ha aggiunto: "Siamo vicini alla famiglia: esprimiamo il nostro cordoglio".

 

Anche il vicepremier e ministro dell'interno Matteo Salvini posta su Facebook la propria tristezza per la scomparsa del politico di lungo corso: "Buon viaggio Enzo, abbiamo messaggiato fino a ieri e stanotte hai scelto di proseguire la tua battaglia da lassù. Faremo sempre più belli il Trentino e l’Italia, contaci".

L'ultimo saluto è fissato per sabato 12 gennaio alle 15 nella chiesa parrocchiale di Pieve Tesino, mentre la camera ardente è allestita alla Casa di riposo del paese, dove alle 18 è prevista la recita del rosario. L'ex senatore tra il 1992 e il 1996 e tra i fondatori della Lega Nord in Trentino è stato anche ricordato con un minuto di silenzio prima dell'incontro che la Giunta provinciale ha tenuto in Val di Fassa, ma è grande il cordoglio della politica, trentina e nazionale. 

 

"La scomparsa di Erminio Boso - scrive sui social Luca Zaia, presidente della Regione Veneto - è un fulmine a ciel sereno per chi come me lo conosceva bene. L’avevo incontrato durante l’ultima campagna elettorale, che aveva incoronato Maurizio Fugatti – suo pupillo da sempre – a presidente della Provincia di Trento. I suoi messaggi, quando apprezzava particolarmente qualche iniziativa della Regione Veneto, erano precisi e puntuali, e ci incoraggiavano nel nostro lavoro".

 

"Era un personaggio silente - aggiunge il governatore veneto - ma non assente, che sapeva parlare nel momento giusto, con i tempi, la convinzione, la determinazione e le caratteristiche tipiche delle genti di montagna. Boso rappresentava lo spirito della Lega della prima ora, e si era sempre battuto per un Trentino leghista: un sogno che ha fatto a tempo a realizzare. Ciao Erminio, ricorderemo sempre l’esempio del tuo lavoro nel movimento e sul territorio, e delle battaglie epiche che avevi combattuto per le tue - le nostre - idee".

Anche Roberto Calderoli ricorda Boso. "Se ne va - dice il parlamentare - un pezzo della nostra storia, ha sempre lottato per l'autonomia e il suo Trentino. Oggi piango un amico, un vecchio amico, un compagno di tante battaglie politiche e di tanti momenti vissuti insieme. È stato un alfiere nelle battaglie per l'autonomia, ha sempre lottato per le ragioni del suo Trentino, del suo popolo e delle sue montagne, magari a volte esagerando nei toni, ma è sempre stato un uomo generoso e di grande cuore. Lo avevo incontrato pochi giorni fa, sabato scorso, quando mi ha accompagnato nel mio giro di incontri in Trentino, per parlare di autonomia e di altri aspetti istituzionali: fino all'ultimo ha lavorato per la sua gente. Ciao Erminio".

Eletto in Consiglio provinciale  nel 1998 insieme a Sergio Divina e Denis Bertolini , mentre rientra in carica tra il 2006 e il 2008, prima di lascia dopo l'elezione nel Parlamento europeo. Nel 2008 viene rieletto in consiglio provinciale, ma lascia il posto a Giuseppe Filippin. 

 

"La scomparsa di Erminio Enzo Boso - ricorda Walter Kaswalder (Autonomia popolare), presidente del consiglio provinciale - è di quelle che priva il Trentino di uno dei protagonisti e dei volti più noti tra quelli che hanno fatto la storia della politica e delle istituzioni in Trentino negli ultimi decenni. Colonna della Lega Nord fin dalla sua costituzione, ha attraversato anche un tratto lungo e importante nelle vicende del nostro Consiglio provinciale".

 

In Consiglio è stato capogruppo e vicepresidente di Commissione legislativa. "Ma è chiaro - conclude Kaswalder - che il peso della sua militanza nelle istituzioni va letto più ampiamente, in considerazione del fatto che Boso fece esperienza dell'intero cursus honorum di un politico eletto: Consiglio comunale nel suo Tesino,  Consiglio provinciale dell'autonomia speciale trentina, Senato della Repubblica, Parlamento europeo. A nome anche di tutti i colleghi consiglieri provinciali, voglio esprimere cordoglio e vicinanza ai familiari di Erminio Enzo Boso".

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 05:01

Il governatore del Trentino intende incontrare il ministro pentastellato, che aveva impugnato il ddl lupo della precedente giunta provinciale, per avviare un confronto e risolvere le criticità. Dorfmann: "Dicotomia tra le aree di montagna e le zone rurali da un lato contro le popolazioni metropolitane dal maggior peso elettorale e che non comprendono le nostre difficoltà dall'altro"

18 gennaio - 12:44

Previste simulazioni nazionali per i primi due scritti. Si inizia a febbraio, secondo test a marzo e aprile. Il colloquio orale rimane pluridisciplinare

18 gennaio - 11:57

Entrambe sono state trasportate all'ospedale Santa Chiara fortunatamente con ferite lievi. Sul posto i carabinieri e i vigili del fuoco 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato