Contenuto sponsorizzato

Omicidio a Brunico, fermato un 34enne: la donna morta durante una pratica sessuale estrema

I carabinieri hanno fermato ieri sera Patrick Pescollderungg per l'omicidio di Maria Magdalena Oberhollenzer. L'uomo avrebbe già reso delle "preliminari dichiarazioni confessorie"

Pubblicato il - 14 gennaio 2019 - 18:00

BRUNICO. Svolta nelle indagini dell'omicidio di Maria Magdalena Oberhollenzer, la donna di 54 anni che il 27 dicembre scorso è stata strangolata all'interno della propria abitazione. I sospetti che la morte della donna fosse stata causata da un'altra persona erano stati chiariti con l'autopsia di fine dicembre.

 

Patrick Pescollderungg, 34enne di Brunico, è stato bloccato ieri sera dalle forze dell'ordine ed è formalmente indiziato del delitto.

 

Alla fine, secondo quanto riportato i Carabinieri, Pescollderungg ha reso delle "preliminari dichiarazioni confessorie".

 

L'uomo sarebbe stato sottoposto ad una lunga audizione durante la quale è caduto in diverse contraddizioni rispetto l'attenta ricostruzione fatta dagli investigatori. 

 

Secondo il suo racconto, la donna sarebbe morta in conseguenza di una pratica erotica estrema.

 

Il 34enne ora è in carcere a Bolzano in attesa dell'udienza di convalida dell'arresto.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 giugno - 15:21
La comitiva si sarebbe costruita una teleferica in autonomia e dopo aver ancorato i cavi agli alberi avrebbero tentato di utilizzare la loro creazione. Il gruppo di tedeschi non avrebbe fatto i conti con un albero marcio e così la teleferica ha ceduto
16 giugno - 18:26

Vendute a Dubai, Mumbai, Miami ma nate e prodotte ad Arco dalla Vetrogiardini hanno portato Sandro Santoni e Luca Degara a Roma per la Festa della Repubblica sono state inserite fra i 32 oggetti di design che rappresentano il genio e l’eccellenza italiana

16 giugno - 17:14

E' il 2 ottobre 1922 e le squadracce fasciste invadono le aule del municipio di Bolzano apponendo nella sala consiliare il busto di Vittorio Emanuele III re d’Italia. Per il Trentino s’apre un’epoca di insofferenza verso la mancata autonomia, l’Alto Adige finisce per trasformarsi in un ''laboratorio d’Italia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato