Contenuto sponsorizzato

Omicidio a Brunico, fermato un 34enne: la donna morta durante una pratica sessuale estrema

I carabinieri hanno fermato ieri sera Patrick Pescollderungg per l'omicidio di Maria Magdalena Oberhollenzer. L'uomo avrebbe già reso delle "preliminari dichiarazioni confessorie"

Pubblicato il - 14 gennaio 2019 - 18:00

BRUNICO. Svolta nelle indagini dell'omicidio di Maria Magdalena Oberhollenzer, la donna di 54 anni che il 27 dicembre scorso è stata strangolata all'interno della propria abitazione. I sospetti che la morte della donna fosse stata causata da un'altra persona erano stati chiariti con l'autopsia di fine dicembre.

 

Patrick Pescollderungg, 34enne di Brunico, è stato bloccato ieri sera dalle forze dell'ordine ed è formalmente indiziato del delitto.

 

Alla fine, secondo quanto riportato i Carabinieri, Pescollderungg ha reso delle "preliminari dichiarazioni confessorie".

 

L'uomo sarebbe stato sottoposto ad una lunga audizione durante la quale è caduto in diverse contraddizioni rispetto l'attenta ricostruzione fatta dagli investigatori. 

 

Secondo il suo racconto, la donna sarebbe morta in conseguenza di una pratica erotica estrema.

 

Il 34enne ora è in carcere a Bolzano in attesa dell'udienza di convalida dell'arresto.

 

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 marzo - 19:01

Non è solo una questione di prezzo, la filosofia dell'accoglienza è simile a quelle delle strutture extralberghiere, cioè la famigliarità di un agriturismo oppure di un bed and breakfast. Questaè una forma di ospitalità turistica pensata per i centri storici. Una soluzione che crea un 'senso di vicinato', risparmia l'ambiente e valorizza gli edifici già esistenti

20 marzo - 13:55

Era successo a Catania nel 2016. I due cani avevano aggredito il bimbo davanti alla madre ed erano poi stati affidati all'Arcadia Onlus di Rovereto

20 marzo - 17:13

La correlazione evidenziata nello studio pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease dai ricercatori della National university of Singapore. Bastano 300 grammi, appena due porzioni a settimana, per dimezzare il rischio di sviluppare un disturbo cognitivo minore dopo i 60 anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato