Contenuto sponsorizzato

Pinzolo, il sindaco indagato e l'inchiesta di allarga a sei persone tra Comune e vertici dell'Apt

Un'ipotesi riguarda una turbativa d'asta per le luminarie natalizie, gli inquirenti sostengono che si sarebbe favorita un'azienda attraverso una gara dell'Apt, formalmente privata. Gli altri due capi d'accusa riguardano solo il sindaco per turbativa d'asta e peculato

Di L.A. - 21 aprile 2019 - 18:41

PINZOLO. L'inchiesta che coinvolge il sindaco di Pinzolo si allarga e sarebbero sei gli indagati tra amministrazione comunale e vertici dell'Azienda per il turismo Madonna di Campiglio, Pinzolo e Valrendena. Un terremoto scoppiato nei giorni scorsi, quando a Michele Cereghini, in carica dal 2015 dopo due legislature da consigliere comunale, è stata notificata l'apertura di un'indagine per turbativa d'asta e peculato (Qui articolo).

 

Non solo, ma essendoci, secondo gli inquirenti, la concreta possibilità di inquinare le prove qualora tornasse ''a casa'' ecco che è stato disposto il divieto di dimora e l'impossibilità di far rientro in municipio. Mentre il sindaco ha respinto le accuse e confida nel lavoro della magistratura, emergono nuovi dettagli.

 

Ora la procura ha chiesto la misura interdittiva dagli incarichi all'interno dell'Apt e dell'amministrazione comunale per altre sei persone. Le procedure prevedono che l'indagato, assistito dal legale di fiducia, venga interrogato dal giudice per le indagini preliminari e quindi la magistratura scioglierà le riserve se applicare la misura cautelare richiesta.

 

E' poi fondamentale precisare che l'iscrizione nel registro degli indagati non si traduce automaticamente in colpevolezza, ma è una garanzia: un atto dovuto che tutela e garantisce l'indagato, il quale può nominare così un avvocato e partecipare con propri consulenti alle attività di indagine.

 

Una vicenda che in parte ha iniziato a muoversi verso la fine dell'anno scorso e alcuni accertamenti si erano svolti a dicembre scorso, quando la guardia di finanza si è presentata in contemporanea negli uffici del Comune di Pinzolo e dell'Apt Madonna di Campiglio, Pinzolo e Val Rendena. 

 

Gli interrogatori vertono in questo momento sull'appalto da 100 mila euro per il noleggio e l’installazione delle luminarie natalizie nell’inverno 2018/19. La procura contesta il reato di turbativa d'asta al sindaco, ma anche a Giuseppe Corradini, assessore ai grandi eventi del Comune di Pinzolo. Non solo, ci sono anche Adriano Alimonta, come presidente del consiglio di amministrazione dell’Apt, Massimo Collini, direttore dell'Azienda per il turismo, e Giorgio Ferrari quale presidente del collegio sindacale dell’Apt.

 

Gli inquirenti sostengono che tutti avrebbero a vario titolo favorito l'aggiudicazione dell'appalto. Il quadro per la guardia di finanza vedrebbe sindaco e assessore promettere un contributo pari all'appalto da circa 100 mila euro all'Apt per effettuare una gara dall'Azienda per il turismo con modalità privatistiche. In questo contesto a vincere l’appalto sarebbe stata l'azienda che si era aggiudicato la fornitura delle luminarie negli anni precedenti e che aveva potuto predisporre l’offerta in anticipo rispetto agli altri concorrenti.

 

Un'altra ipotesi di turbativa d'asta riguarda il solo primo cittadino di Pinzolo e vede la partecipazione di una seconda persona iscritta al registro degli indagati. Gli inquirenti contestano le modalità di assunzione di un addetto stampa al Comune di Pinzolo: una figura sponsorizzata e un bando predisposto ad hoc. Il terzo capo di imputazione riguarda ancora solo Cereghini e il reato sarebbe di peculato per l’uso di un’auto dell’Apt per raggiungere Sestriere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 dicembre - 11:18

Calano i ricoveri nei normali reparti dell'ospedale e in terapia intensiva. Il rapporto contagi/tamponi si attesta intorno al 10%. Sono stati trovati 90 positivi con il test antigenico

04 dicembre - 08:50

In questi mesi di emergenza sono già state diverse le situazioni che presentano similitudini nel modo di agire della Giunta provinciale. Si guarda il momento senza un'idea di pianificazione futura di quanto fare oggi per ripartire di slancio domani

04 dicembre - 10:26

A partire da oggi, venerdì 4 dicembre, è previsto un aumento delle precipitazioni nel territorio bellunese che si protrarrà fino a domenica 6. Dalle 18 alle 24 di questa sera ad Arabba, Cortina, Pieve di Cadore e Auronzo di Cadore sono attesi oltre 30 centimetri di neve

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato