Contenuto sponsorizzato

Rapina alla gioielleria Tomasi, preso in Germania l'ultimo bandito

Un altro malvivente era stato bloccato nel 2017 dopo essere stato individuato in Olanda. Ora l'ultimo arresto dopo l'approfondito lavoro da parte delle forze dell'ordine 

Pubblicato il - 21 marzo 2019 - 11:22

TRENTO. E' stato fermato in Germania il malvivente, l'ultimo della cosiddetta “Banda dei Rolex”, che nel 2015 escogitò il colpo alla gioielleria “Tomasi" che si trova in via San Pietro.

 

L'uomo, un 27enne lituano, era stato colpito da un ordine di arresto europeo ed è accusato di rapina aggravata e concorso in lesioni personali.

 

Un altro bandito è stato invece arrestato nel 2017 dopo essere stato individuato in Olanda e ricondotto in italia per essere poi portato al carcere romano di Rebibbia.

 

La rapina alla gioielleria Tomasi era avvenuta nel 2015. I rapinatori si erano presentati in negozio chiedendo degli oggetti per fare un regalo. Poco dopo, però, uno dei malviventi estrasse la pistola puntando contro i commessi. Presi i preziosi, entrambi uscirono dal negozio e fuggirono.

 

Le indagini sono partite immediatamente per riuscire ad individuare i banditi. Il lavoro minuzioso svolto in questi anni delle forze dell'ordine ha portato ora all'arresto dell'ultimo fuggitivo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 luglio - 19:22

In aula il presidente della Provincia ha ribadito più volte che non c'è compatibilità tra grandi carnivori e agricoltura e allevamento di montagna rischiando di svilire dei progetti apprezzati e premiati in tutta Europa che possono essere migliorati ma hanno già raggiunto grandi risultati (170.000 euro di danni in un anno per le 100-120 unità tra orsi e lupi sono circa 1.500 euro a grande carnivoro, cifre migliorabili ma comunque molto basse)

22 luglio - 19:18

L'incidente è avvenuto intorno alle 17.45 l'escursionista stava percorrendo il sentiero lungo la via ferrata Burrone Giovanelli per raggiungere il canyon e poi il monte di Mezzocorona

22 luglio - 13:11

Parliamo di errore perché non potrebbe essere altrimenti. Il presidente della Pat ha pronunciato queste parole questa mattina in consiglio provinciale illustrando l'assestamento di bilancio 2019-2021 ed è la frase è anche nel documento. ''Un miracolo che può riuscire solo all'assessore alla conosc(i)enza Bisesti'', commenta l'ex assessora Sara Ferrari. In realtà, si immagina, volessero scrivere Alta formazione professionale (e non università) 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato