Contenuto sponsorizzato

Sul tir diretto a Malta 28.000 litri di ''gasolio sporco'' dichiarati come ''olio lubrificante'': evasione fiscale da 22.000 euro, denunciati in due

L'autoarticolato proveniva dalla Germania e viaggiava verso sud. A Vipiteno lo ha intercettato e sequestrato la finanza. Per il conducente e il passeggero è scattata anche una maxi multa

Pubblicato il - 07 giugno 2019 - 13:29

TRENTO. Un tir proveniente dalla Germania e diretto a Malta, con a bordo 28.000 litri di "gasolio sporco" dichiarati come "olio lubrificante". Questa la scoperta delle fiamme gialle a Vipiteno. Il conducente e il passeggero sono stati denunciati e dovranno pagare una maxi multa.

 

Il controllo all'autoarticolato, che portava targa italiana, è avvenuto alla barriera autostradale A22 di Vipiteno da parte dei militari della guardia di finanza della compagnia di Bressanone.

 

Ai finanzieri i due uomini, due italiani, avrebbero dichiarato di trasportare 28 contenitori da mille litri ognuno di "olio lubrificante" ed avrebbero esibito una documentazione all'apparenza regolare. Ma la sorpresa i militari l'avrebbero avuta con i successivi controlli sul liquido che si sarebbe rivelato essere invece una partita da 28.000 litri di gasolio da autotrazione che non sarebbe stato dichiarato e quindi non sottoposto alla relativa imposta sulla produzione o sul consumo di prodotti energetici (l'accisa).


In questo modo sarebbe stata prodotta un'evasione del tributo per circa 22.000 euro. Questo perché gli oli lubrificanti sono fiscalmente assoggettati alla sola imposta di consumo, ma accade che vengano usati anche per l'autotrazione, alla stregua del gasolio, che per lo specifico uso sconta il pagamento di accisa e Iva.

 

 

Sempre durante il controllo i militari avrebbero scoperto che la società di Malta che sarebbe stata indicata sui documenti di trasporto come destinataria del carico sarebbe stata all'oscuro della consegna. Inoltre non avrebbe mai operato nel commercio di lubrificanti od oli o prodotti petroliferi in genere.

 

Gli uomini della guardia di finanza hanno sequestrato il gasolio e il tir, mentre le due persone a bordo sono state denunciate a piede libero per sottrazione fraudolenta al pagamento delle accise. Una contestazione questa che prevede la pena della reclusione da sei mesi a tre anni e una multa non inferiore a 7.746 euro.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
09 maggio - 20:00
Trovati 57 positivi, non sono stati comunicati decessi nelle ultime 24 ore, sesto giorno consecutivo senza vittime legate all'epidemia. Sono [...]
Cronaca
09 maggio - 16:26
L'allerta è scattata poco dopo mezzogiorno all'altezza del centro abitato di Castello sul territorio comunale di Terragnolo. In azione la macchina [...]
Economia
09 maggio - 17:48
Il cronoprogramma per l’entrata in servizio di Indaco “l’Amazon trentina”, Spinelli: “Abbiamo imposto tempi che sono nell’ordine di 8 [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato