Contenuto sponsorizzato

''Tom, mi mancherai. Un privilegio chiamarti amico'', l'addio di Angelika Rainer. Nardi e Ballard ricordati al campo base sul Nanga

Un incontro avvenuto nel 2015/16, quando Ballard era reduce dal progetto "Starlight and Storms", l'alpinista britannico adottato dalla Val di Fassa era riuscito a scalare da solo le sei grandi pareti nord alpine. Il primo a completare questa impresa in una sola stagione invernale, senza una squadra di supporto

Pubblicato il - 11 marzo 2019 - 20:17

TRENTO. "Tom, non riesco a credere che non scaleremo mai più insieme. E che questa volta non tornerai più in Val di Fassa", la tre volte campionessa del mondo di arrampicata su ghiaccio, Angelika Rainer, affida a Facebook il proprio ricordo di Ballard, tragicamente scomparso sul Nanga Parbat

 

Un incontro avvenuto nel 2015/16, quando Ballard era reduce dal progetto "Starlight and Storms", l'alpinista britannico adottato dalla Val di Fassa era riuscito a scalare da solo le sei grandi pareti nord alpine (Cima Grande di Lavaredo, Pizzo Badile, Cervino, Grandes Jorasses, Petit Dru e Eiger). Il primo a completare questa impresa in una sola stagione invernale, senza una squadra di supporto. Proprio nel corso di quella impresa è stato realizzato il pluripremiato film "Tom". 

 

"Avevi appena attrezzato 'Tomorrow world' - ricorda Rainer - la falesia drytooling che negli anni successivi i migliori scalatori della disciplina nel mondo sarebbero passati a visitarla. Con la visione e il duro lavoro eri riuscito a creare questo incredibile parco giochi". Un riferimento alle tantissime vie aperte e attrezzate in Val di Fassa, una casa per Ballard, che aveva trovato in Stefania Pederiva l'amore. Ma è tutta una valle colpita dal lutto.

 

"In questi anni ho avuto il privilegio di chiamarti 'amico', abbiamo passato delle bellissime giornate a scalare insieme. Ti sarei venuto a prendere da qualche parte in val di Fassa e avremmo guidato intorno a quella bellissima valle in cui hai scelto di vivere. Un giorno dovevamo passare la serata con gli amici, ma mi hai chiesto di farti smontare alla "tua" grotta: volevi dormire lì nel sacco a pelo e poi attrezzare un nuovo percorso alla mattina", scrive la meranese, che aggiunge: "Quando siamo arrivati il giorno dopo, dopo una notte trascorsa in un comodo letto, avevi già finito quel percorso e l'avevi chiamato "Cappuccino" perché ti avevo promesso qualche volta un cappuccino al mattino, ma ho sempre dimenticato il latte. Onestamente non riesco a ricordare se ti ho mai preparato questo cappuccino e ora non avrò mai la possibilità di fartene un altro".

 

"Tom, non ti dimenticheremo mai e i miei pensieri sono per Steffi, tuo padre e tua sorella. Ciao Tom".

 

Nel frattempo l'ipotesi più accreditata è quella dell'incidente in parete, quindi gli alpinisti sarebbero rimasti sorpresi da vento e freddo a 5.900 metri, circa 400 metri più in basso rispetto alla posizione fornita da Nardi nell'ultima telefonata di domenica 24 febbraio, prima del silenzio. 

 

I corpi, come noto, sono stati localizzati attraverso il telescopio di Alex Txikon e le immagini sono state poi analizzate meticolosamente. Il basco si è mostrato disponibile per recuperare Nardi e Ballard, ma la decisione spetta alle famiglie e si deve eventualmente ricorrere all'utilizzo degli elicotteri militari pakistani. 

 

Per ora un momento di raccoglimento in ricordo di Daniele Nardi e Tom Ballard è stato osservato in una cerimonia al campo base con i portatori e con la squadra di soccorritori, una cerimonia che ha chiuso per sempre la spedizione 2019 Nanga Parbat Winter Expedition per raggiungere la vetta nella stagione più fredda attraverso una nuova via lungo lo Sperone Mummery. Resterà anche una targa sulla roccia.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 ottobre - 06:01

La piaga riguarda soprattutto persone dai 45 ai 54 anni ma negli ultimi anni sono aumentati notevolmente i giovani. Il Trentino Alto Adige è una delle regioni più colpite in Italia. Da qualche settimana è arrivata sul nostro territorio una sede dell'Osservatorio violenza e suicidio che è già presente in quasi tutti le regioni italiane. A breve a Trento il congresso dal titolo “Blue Whale e la prevenzione dei rischi suicidari” 

13 ottobre - 19:39

Nei punti del governo giallo-rosso c'è anche l'eliminazione del contante a favore dei pagamenti con moneta elettronica. L'Italia è infatti fanalino di coda in questo campo, nonostante il più alto numero di terminali Pos d'Europa. L'economista Cerea: "Non si capisce che pagare in contanti è più rischioso ed oneroso". E c'è chi si oppone perché gli anziani non sarebbero in grado di adattarsi all'innovazione

13 ottobre - 14:36

L'ingegnera Arianna Minoretti, originaria di Como, ingegnera della Norwegian Public Roads Administration in un incontro pubblico ha confermato la fattibilità del progetto. Servirebbe per collegare la ciclabile Riva con Limone e permetterebbe di risolvere diversi punti critici

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato