Contenuto sponsorizzato

Una foto shock e razzista a coprire un manifesto shock contro il lupo

Succede in Alto Adige, dove un manifesto con un lupo, denti aguzzi e fauci spalancate è stato coperto da un'immagine razzista che rappresenta un uomo nero dietro una ragazza bianca che si tappa il naso. Solo il messaggio, infatti, non cambia: "Proteggete i vostri figli". A riportarlo il quotidiano Salto.bz 

Pubblicato il - 25 giugno 2019 - 16:29

BOLZANO. Una foto shock a coprire un manifesto shock. Succede in Alto Adige, dove un manifesto con un lupo, denti aguzzi e fauci spalancate è stato coperto da un'immagine razzista che rappresenta un uomo nero dietro una ragazza bianca che si tappa il naso. Solo il messaggio, infatti, non cambia: "Proteggete i vostri figli". A riportarlo il quotidiano Salto.bz nell'articolo a firma di Christoph Franceschini (Qui articolo in lingua tedesca). 

 

La foto è durata solo pochi giorni, un intero week end, prima che qualcuno "armato" di senso civico la rimuovesse prima di lunedì sera. A bordo della strada di Villandro è stato posizionato un cartello di grandi dimensioni contro il lupo, la stessa immagine utilizzata dai contadini nella protesta a Bolzano e Vipiteno. L'animale a denti scoperti e il messaggio: "Proteggi i tuoi figli".


Come riporta Salto.bz, il cartello si trova circa sette chilometri sopra Villandro al bivio della vecchia miniera. Ben visibile a centinaia di auto, moto e ciclisti. Un messaggio già allarmante, ulteriormente peggiorato: alcuni sconosciuti hanno, infatti, coperto il lupo ma la foto mostrava un uomo di colore dietro una donna bianca che si tappa il naso per un chiaro segnale di rifiuto. Un evidente messaggio razzista e xenofobo, rimarcato dalla frase "Proteggete i vostri figli".

 

Un messaggio visto da migliaia di persone che hanno raggiunto l'area nel week end. "Un chiaro caso di discriminazione razziale e questo atto deve essere perseguito attraverso la legge Mancino", dice un insegnante di Bolzano che si è recato con la famiglia a Villandro e ora pensa di fare un esposto in procura.

 

Il lupo come simbolo del pericoloso straniero che entra nelle montagne dell'Alto Adige e che preda il bestiame, si è trasformato così in un veicolo di messaggi xenofobi: il culmine della mancanza di gusto. Anche questo è l'Alto Adige, che viene venduto in tutto il mondo come "terra della diversità", conclude Salto.bz.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 luglio - 07:59

Proviamo a smontare un po' di dubbi e perplessità sull'incredibile vicenda che riguarda la fuga dell'orso scappato nella notte tra domenica e lunedì dal recinto del Casteller superando recinti elettrificati e dandosi alla macchia senza radiocollare. Ieri, poi, è spuntata una foto di lui in Marzola dove non ci sono mai stati né orsi né lupi ma la realtà è spesso più incredibile della fantasia soprattutto se alla base c'è una figuraccia tanto grande

16 luglio - 22:30

Il plantigrado non avrebbe più vie di fuga e il ministro, che a poche ore dalla fuga ha diffidato la Provincia dall'abbatterlo, chiede nuovamente al presidente Maurizio Fugatti di non uccidere l'animale: "E' un animale braccato e riuscirete a prenderlo ma non sparate. Io mi sto attivando al massimo delle mie competenze per evitare un Daniza2"

16 luglio - 19:29

La settimana scorsa il vicepresidente della circoscrizione di Gardolo, il leghista della prima ora Pacifico Mottes, ha ufficializzato la sua uscita del partito. Il segretario Bisesti: "Per l'affetto sincero che provo per lui non commento". Malumori ci sarebbero però anche in altre zone del territorio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato