Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, addio a Luca e Angelina: avevano 43 e 50 anni. Gli amici: ''Non si può accettare''

Sembra un incubo che si sta ripresentando, i contagi non si fermano e in Trentino da ormai qualche giorno si è tornati a morire per coronavirus. Attenzione alta nelle Rsa ma non solo

Di gf - 14 October 2020 - 08:27

TRENTO. Sono giornate di lutti a causa del coronavirus quelle che il Trentino è tornato a vivere da ormai qualche giorno. Un incubo che purtroppo sembra ripresentarsi non solo all'interno delle Rsa ma anche per tante altre persone.

 

Sono due i decessi che hanno colpito il nostro territorio le scorse 24 ore e che riguardano persone positive al Covid-19 (Qui l'articolo).

 

Luca Kaswalder di Roveré della Luna aveva 43 anni. Agricoltore e vigile del fuoco era molto conosciuto nella propria comunità. Negli anni scorsi aveva dovuto combattere contro un brutto male ma non aveva mai indietreggiato. Lo aveva fatto con determinazione assieme alla moglie e ai tre figli.

 

Nelle scorse settimane, però, la notizia di essere positivo al Covid 19. In pochi giorni le sue condizioni di salute sono peggiorate e Luca è stato trasferito all'ospedale di Rovereto. E' spirato nella notte tra lunedì e martedì facendo cadere nella tristezza più profonda un'intera comunità (Qui l'articolo).

 

Tanti i messaggi di cordoglio che sono arrivati dai corpi dei vigili del fuoco volontari sparsi su tutto il territorio. "E' un triste giorno - viene scritto in un post su Facebook dal  Distretto di Mezzolombardo - purtroppo è venuto a mancare il Capo Squadra del Corpo di Roverè della Luna, Luca Kaswalder, che, nonostante la sua forte tempra e grande spirito, ha dovuto arrendersi, di fronte al grave male contro il quale ha combattuto in questo ultimo periodo". 

 

Lutto anche nella comunità di Nave San Rocco dove è morta Angelina Sarno. Aveva da poco compiuto i 50 anni, si era traferita dalla Campania al Trentino e lavorava per una ditta di pulizie.

 

Stava già affrontando anche lei una dura battaglia, ma purtroppo il coronavirus ha aggravato le sue condizioni tanto da costringerla a un ricovero a Rovereto dove è morta nelle scorse ore. Molti i messaggi per lei su Facebook: “Come faremo senza te, senza ridere, senza scherzare mettevi tutti in armonia con le tue battute non si può accettare” scrive un'amica.

 

Dal punto di vista dei contagi per il Trentino ieri è stata un'altra giornata molto difficile. Secondo i dati forniti dalla Provincia ci sono stati 28 nuovi positivi al tampone molecolare, mentre 10 contagiati sono stati trovati tramite il test rapido per un totale di 38 casi nelle ultime 24 ore. Salgono a 46 le classi sottoposte a misure di isolamento

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 17:58

Sono state registrare 26 dimissioni e 238 guarigioni. Cala il numero dei pazienti in ospedali. Analizzati oltre 4 mila tamponi. Sono state confermate 191 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

21 January - 17:08

Le Faq aggiornate all’ultimo Dpcm del 14 gennaio: “Dal 16 febbraio al 5 marzo gli spostamenti tornano invece ad essere consentiti da e per tutte le regioni ubicate in area gialla”

21 January - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato