Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, con i positivi della Pat Trentino sempre più fuori scala per ricoveri, terapie intensive e morti

L'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali nel suo report mostra chiaramente quello che il Dolomiti da settimane sta documentando: i positivi comunicati da Fugatti e Segnana quotidianamente fanno sembrare il Covid in Trentino almeno tre volte più aggressivo che nel resto del Paese. Ovviamente il virus non c'entra ma sono i numeri che sono sempre più sfasati

Di Luca Pianesi - 19 November 2020 - 11:31

TRENTO. Si ampia sempre di più il gap per il Trentino con il resto del Paese se si analizzano i dati ufficiali. Il numero che non torna, come vi stiamo raccontando da ormai qualche settimana (QUI la nostra analisi con i primi dati sui comuni resi pubblici che già mostravano il trend completo e credibile del contagio), è quello dei positivi comunicati ufficialmente e in questo modo i ricoverati rispetto ai positivi, come anche le terapie intensive rispetto ai positivi, per non parlare dei morti rispetto ai positivi attuali hanno valori comunque tripli (si pensi che Bolzano a ieri contava 10.901 positivi ufficiali e aveva fatto registrare 134 vittime mentre Trento era a 144 morti in questa seconda ondata con 2860 positivi ufficiali).

 

E le possibilità sono due: o il Covid in Trentino è molto più aggressivo o i positivi trovati quotidianamente e comunicati, sono talmente pochi rispetto agli altri territori nazionali da far sballare qualsiasi calcolo statistico. Ovviamente la risposta giusta è la seconda e da settimane vi abbiamo spiegato cosa sta succedendo. Il Trentino ha, di fatto, rimesso ai tamponi antigenici la ricerca del positivo e ai tamponi molecolari il controllo su specifiche categorie (infatti il Trentino rispetto ai tamponi fatti ha numeri bassissimi sulle persone testate spesso vicini al 50%: questo vuol dire che si fanno molti tamponi di controllo alle stesse persone, infermieri, operatori Rsa etc..) e per verificare la negativizzazione dei positivi da antigenici.

 

Quindi nel conteggio ufficiale i guariti ci sono tutti mentre i positivi trovati con gli antigenici (che sono circa il triplo di quelli comunicati quotidianamente dall'assessora e dal presidente) non figurano. I dati sono chiarissimi e questa volta i conti non li abbiamo nemmeno dovuti fare noi, come fatto nelle scorse settimane, perché sono stati elaborati anche dall'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali per quanto riguarda gli ospedalizzati in proporzione ai positivi trovati il dato per la Provincia di Trento è il 15%, esattamente il triplo del dato nazionale, al 5% che è allo stesso livello dell'Alto Adige, mentre il Veneto è al 4% e la Lombardia è al 6%.

 

 

 

Critica anche la proporzione sulle terapie intensive e sui ricoveri rispetto ai 100.000 abitanti (dunque il dato più neutro possibile che non viene inficiato dalla popolazione di un territorio anche se il dato dell'Alto Adige è praticamente perfettamente confrontabile vista la popolazione delle due province) con il Trentino che fa peggio solo della Valle d'Aosta e il Veneto.  

 

 

 

Ringraziamo, poi Luca Fusaro, Dottore Magistrale in Economia Applicata, Dottore Commercialista e Analista di dati che ha condiviso con noi questo interessantissimo elaborato dove si vede che le 38 terapie intensive (solo una in meno dell'Alto Adige) portano il rapporto positivi/ricoverati in rianimazione all'1,3% in Trentino mentre l'Alto Adige è allo 0,4% come anche il Veneto, e la Lombardia è allo 0,6%. I dati qui sotto sfasati, per quanto riguarda i ricoverati con sintomi rispetto a quelli che trovate qui sopra (13,9% e 15%) perché qui sotto sono stati tolti i ricoveri in terapia intensiva per scorporare i due dati. Con i dati comunicati dalla Pat, tra l'altro, continuano a calare anche le persone in isolamento domiciliare (ieri addirittura -138) quindi il Trentino risulta essere il territorio con meno persone in isolamento in proporzione ai positivi.   

 

 

Questi erano i nostri conti delle scorse settimane dove è evidente che la proporzione resta sempre la stessa con dati via via in peggioramento.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 gennaio - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

20 gennaio - 19:12

Nell'ultimo confronto Stato-Regioni si è parlato dei tagli della Pfizer nella fornitura dei vaccini: "Abbiamo manifestato il nostro sconcerto". Un altro argomento è stato quello dei ristori. "Auspichiamo che il governo in carica sappia rispettare gli accordi presi con le categorie economiche. Non ci sono ancora garanzie e questo ci preoccupa". Il punto sui test salivari

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato