Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, dopo i mercatini di Natale stop anche alla sfilata dei Krampus e a quasi tutti i campionati. Kompatscher firma un nuova ordinanza

Per quanto riguarda il calcio, vanno avanti i campionati di serie D e di Eccellenza, oltre a quelli di categoria superiore. Per le castagnate, invece, è prevista la presenza massima di una persona ogni quattro metri quadrati

Pubblicato il - 22 ottobre 2020 - 10:33

BOLZANO. Oltre ai mercatini stop anche alla sfilata dei Krampus e per quanto riguarda lo sport stop a quasi tutti i campionati. E' arrivata nella serata di ieri una nuova ordinanza del presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher.

 

Il documento entra in vigore immediatamente e produce i suoi effetti sino al 30 novembre ed è un ulteriore giro di vite dopo le misure che sono state adottate qualche giorno fa sempre in Alto Adige  per cercare di arginare la diffusione del contagio.

 

Si parte con la scuola: la didattica nelle superiori, in particolare nell'ultimo triennio, deve svolgersi a distanza in misura pari almeno al 30%, e gli ingressi (nonché le uscite) devono essere scaglionati per evitare assembramenti o sovraffollamenti di mezzi pubblici.

 

Dopo la decisione di non fare i Mercatini di Natale, ora è arrivata anche lo stop dal governatore altoatesino ad altre manifestazioni tradizionali come le sfilate di San Nicolò e dei Krampus. Manifestazioni che creano inevitabilmente contatti, assembramenti e quindi rischio di infezioni.

 

Non mancano misure importanti anche per quanto riguarda lo sport. Si è deciso, infatti, la sospensione di quasi tutti i campionati: fanno eccezione le competizioni internazionali, le prime due serie nazionali dei campionati di attività sportive affiliate a Coni e Cip (Comitato paralimpico), nonché, per quanto riguarda il calcio, i campionati di serie D e di Eccellenza, oltre a quelli di categoria superiore. Stop a cibi e bevande durante le manifestazioni consentite.

 

Durante una videoconferenza tra il presidente Kompatscher e i rappresentanti di Coni, Cip, Ussa e Vss è emersa la priorità di consentire comunque le possibilità di praticare attività sportiva, e per questo motivo gli allenamenti potranno proseguire (ad eccezione degli sport di contatto al chiuso) e potranno anche essere utilizzate le docce negli spogliatoi.

 

Le sale da gioco, le sale scommesse e le sale bingo dovranno chiudere alle ore 18, per quanto riguarda le castagnate (Törggelen) si applica la regola che prevede la presenza massima di una persona ogni quattro metri quadratiCori e bande musicali, invece, potranno eseguire prove ed esibizioni con un massimo di 15 persone e rispettando la regola di una persona ogni cinque metri quadrati. Ai sindaci, infine, viene consentito di adottare ulteriori misure restrittive in materia di mercatimanifestazioni di carattere comunale o sovracomunale.

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 dicembre - 13:39
"La questione ha a che vedere in primis con un problema di approvvigionamento di materiali per il confezionamento che, insieme alla [...]
Economia
05 dicembre - 13:55
Alla luce degli aumenti in bolletta e della carenza di personale la maggioranza (55,85%) dei commercianti altoatesini pensa di chiudere la domenica [...]
Economia
05 dicembre - 13:32
Ress Multiservices ha raggiunto in questi giorni un importante accordo per l’acquisizione del ramo d’azienda della storica ditta Tonini Grandi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato