Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, gira in taxi per spacciare. Denunciato un 19enne

Un 19enne è stato fermato a bordo di un taxi dopo che da giorni era al centro di accertamenti da parte della polizia della questura di Trento. Per eludere i controlli, infatti, raggiungeva il centro con il mezzo a pagamento, girando poi nelle vie del centro storico per le consegne ai clienti. Assieme a lui un altro giovane è stato denunciato per inottemperanza del decreto sugli spostamenti

Pubblicato il - 08 aprile 2020 - 11:04

TRENTO. Il business illegale dello spaccio, in questi tempi di limitazione degli spostamenti, deve trovare soluzioni per poter mantenere in piedi gli affari. A dimostrarlo, in questo caso, è il sistema organizzato da un soggetto denunciato ieri a Trento mentre girava a bordo di un taxi con della sostanza stupefacente.

 

Da tempo gli investigatori della squadra mobile tenevano d'occhio la zona di Torre Vanga, in particolare piazza della Portela, soprattutto a seguito di segnalazioni da parte dei residenti di un insolito andirivieni di soggetti. Gli agenti della sezione antidroga, dopo una serie di appostamento, sono pertanto intervenuti dopo aver notato la presenza di un giovane sospetto per le vie della città.

 

Questi, visto arrivare nei giorni precedenti dalla zona nord di Trento a bordo di un taxi, utilizzato probabilmente per eludere i controlli messi in atto dalla questura, giunto nei pressi della stazione era solito dirigersi a piedi verso il quadrilatero compreso tra piazza Dante, piazza Portela, via Torre Vanga e piazza Santa Maria Maggiore, dandosi appuntamento nel tragitto con una serie di acquirenti per rapide consegne.

 

Nel pomeriggio di martedì 7 aprile, però, gli investigatori lo bloccavano direttamente a bordo del taxi, precisamente alla rotatoria che da via Lungadige Montegrappa consente di imboccare il cavalcavia San Lorenzo per raggiungere Piazza Dante. Alla vista degli agenti, il giovane, un 19enne cittadino macedone, si mostrava sorpreso e non sapeva dare alcuna spiegazione plausibile sul fatto di essere a bordo del taxi.

 

Stesso discorso valeva per l'altro passeggero, un coetaneo cittadino moldavo. Nel corso del controllo, dunque, veniva rinvenuto un sacchetto con all'interno circa 40 grammi di marijuana, immediatamente sequestrati. I giovani venivano denunciati per inottemperanza delle norme sugli spostamenti, mentre il detentore degli stupefacenti subiva un'ulteriore denuncia per detenzione ai fini dello spaccio di 40 grammi di marijuana, occultati in un sacchetto per l'immondizia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 06:01

Ci auguriamo che non ci sia una ''prossima volta'' parlando di epidemie e che quindi questa sia solo un'uscita infelice di Segnana, l'attacco a un organismo professionale che in questi mesi non si è risparmiato per cercare di risolvere le criticità, senza magari tutti quegli elementi in mano alla task force e l'esecutivo, appare davvero ingeneroso

24 maggio - 19:27
Complessivamente ci sono 5.399 casi e 461 decessi da inizio emergenza coronavirus in Trentino. I tamponi analizzati sono stati 1.694 per un rapporto contagi/tampone a 0,71%. Sono 12 i nuovi positivi, 9 con sintomi negli ultimi 5 giorni e 3 con screening
24 maggio - 18:58
I tamponi analizzati sono stati 1.694 per un rapporto contagi/tampone che resta sotto la soglia dell'1% di test positivi, a 0,71% per la precisione. Sono 4 i pazienti nei reparti di terapia intensiva. Il Trentino si porta complessivamente a 5.399 casi da inizio emergenza coronavirus
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato